Risanamento del lago, avanti con gli interventi fino al 2026

La Giunta della Regione Lombardia ha approvato una delibera che prevede investimenti per circa 7 milioni di euro nel triennio 2024-2026 per il risanamento e la salvaguardia del Lago di Varese. Obiettivo: completare il processo di risanamento, tutelare l'ambiente e la biodiversità, favorire la balneazione e lo sviluppo socioeconomico.

Risanamento del lago, avanti con gli interventi fino al 2026
Risanamento del lago, avanti con gli interventi fino al 2026

Avanti fino al 2026 con gli interventi di salvaguardia e risanamento del Lago di Varese La Giunta della Regione Lombardia ha infatti approvato la delibera, "che – ha spiegato il presidente Attilio Fontana - aggiorna e integra il programma d’azione dell’Accordo quadro di sviluppo territoriale dedicato al bacino lacustre prevedendo investimenti nel prossimo triennio per circa 7 milioni di euro". La formalizzazione in Giunta dà seguito alla decisione presa dal Collegio di Vigilanza lo scorso 30 maggio, occasione in cui si era deliberato di prolungare la durata dell’Aqst lago di Varese anche per il triennio 2024-2026. "L’Aqst (accordo quadro di sviluppo territoriale)del lago di Varese - ha dichiaratol’assessore all’Ambiente Giorgio Maione - ha già consentito di raggiungere grandi risultati: prima di tutto il miglioramento della qualità delle acque con la relativa balneazione. I meriti vanno divisi con tutti gli enti che partecipano a questo grande progetto con la regia di Regione Lombardia. Un impegno anche economico per la nostra amministrazione: nel quinquennio 2019-2023 con questo Aqst sono già stati investiti 13 milioni di euro, di cui circa 10 in capo a Palazzo Lombardia. Risorse importanti, ma sicuramente ben spese per un modello sicuramente da replicare anche in altri territori". L’aggiornamento oltre a impegnare nuove risorse, riordina priorità e strategie di azione. L’obiettivo è il completamento del processo di risanamento delle acque del lago di Varese tutelando l’ambiente e la biodiversità, favorendo la balneazione e lo sviluppo socioeconomico del territorio. Le linee d’azione si suddividono in: interventi di miglioramento del reticolo fognario del bacino; riattivazione dell’impianto di prelievo ipolimnio, salvaguardia e tutela dell’area protetta lago di Varese, sensibilizzazione dei cittadini e attività di sviluppo e valorizzazione delle sponde e della pista ciclabile.

R.F.