Spaccio nei boschi
Spaccio nei boschi

Malnate (Varese) – Un giovanissimo è stato arrestato per spaccio dai Carabinieri della stazione di Malnate. I militari lo hanno sorpreso in flagranza di reato nella serata di ieri durante un controllo effettuato a Cagno, in via Mulini. Una zona boschiva nota per l’attività di vendita di stupefacenti, al confine tra le province di Como e Varese: al di là del bosco si trovano i comuni di Malnate e Cantello. E l’attività dei carabinieri è avvenuta o a conclusione di un servizio mirato finalizzato alla prevenzione e repressione del traffico di droga. La presenza frequente delle forze dell’ordine punta a combattere un fenomeno che coinvolge anche diversi ragazzi poco più che bambini.

Il fermato è un adolescente, un sedicenne italiano, incensurato e residente a Sangiano. Con sé aveva un panetto di hascisc di cento grammi e una dose di cocaina del peso di 0,5 grammi. Espletate le formalità di rito il minore è stato associato all’istituto penale minorile Beccaria di Milano. Denunciato invece un 25enne italiano di Valmorea, con precedenti di polizia a carico. Aveva addosso una dose di eroina di 1,3 grammi. Le sostanze stupefacenti sono state poste sotto sequestro a disposizione dell’autorità giudiziaria. Un altro servizio specifico condotto dagli uomini del Nucleo operativo radiomobile ha riguardato invece la zona di Induno Olona. In questo caso a essere denunciato è stato un 23enne marocchino, sempre per spaccio. Si tratta di un senza fissa dimora, regolare sul territorio e incensurato.