Luino, ferito al braccio con un coltellino: aveva difeso due ragazze in piazza

L’aggressore è un diciottenne ubriaco. Portato in ospedale il ventiseienne intervenuto in aiuto delle giovani importunate alla fermata del bus

Polizia

Polizia

Luino (Varese) – Attenzione rivolta ancora alla zona della stazione a Luino, dove nel pomeriggio di lunedì a suscitare allarme è stata una lite, sfociata poi in una colluttazione, tra due giovani, un diciottenne straniero e un italiano di 26 anni, leggermente ferito al braccio. Il diciottenne è stato fermato dai carabinieri giunti sul posto e denunciato.

Secondo quanto ricostruito, il diciottenne, in evidente stato di ubriachezza, da Milano, dove risulta domiciliato, è arrivato nella cittadina lacustre in compagnia di alcuni amici, palesemente ubriaco. Prima ha discusso con altri giovani al bar per una sigaretta, poi, dopo essersi allontanato dal locale, con un coltellino ha minacciato due ragazze che aspettavano l’autobus. Sono stati momenti concitati in piazza Marconi, in aiuto delle due giovani spaventate dalle minacce del diciottenne è intervenuto un italiano di 26 anni che era al bar con alcuni amici. C’è stata una colluttazione tra il diciottenne e il ventiseienne, che è stato leggermente ferito al braccio con il coltellino che lo straniero ubriaco teneva tra le mani.

Dalla zona della stazione, purtroppo spesso teatro di liti ed episodi che allarmano anche per la presenza di sbandati, è partita la richiesta di intervento. Sul posto sono immediatamente arrivati gli agenti della polizia di frontiera di Luino e i carabinieri della compagnia luinese. L’aggressore è stato intercettato e accompagnato nella caserma di via San Pietro, dove è stato denunciato per lesioni aggravate. Il ventiseienne, ferito al braccio, è stato invece portato al pronto soccorso di Luino; dopo essere stato medicato, è stato dimesso con una prognosi di due giorni.