Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
24 giu 2022

Crisi Netflix: pagano i lavoratori. Annunciati 300 licenziamenti

Nel primo trimestre di quest'anno il colosso dello streaming ha perso 200mila abbonamenti

24 giu 2022

Crisi di Netflix: a pagare sono i lavoratori. La popolare piattaforma di distribuzione di contenuti video ha annunciato un'altra serie di tagli ai posti di lavoro, mentre è alle prese con il rallentamento della crescita e l'aumento della concorrenza. Il gigante dello streaming, riporta la Bbc, ha dichiarato di voler tagliare altri 300 posti di lavoro - circa il 4% della sua forza lavoro - soprattutto negli Stati Uniti, dopo aver già licenziato 150 persone a maggio. Le mosse arrivano dopo che, ad aprile, l'azienda ha registrato la prima perdita di abbonati in più di un decennio. Nel tentativo di rilanciare la crescita, l'azienda sta studiando un servizio ad-supported e un giro di vite sulla condivisione delle password. "Mentre continuiamo a investire in modo significativo nell'azienda, abbiamo apportato questi aggiustamenti in modo che i nostri costi salgano in linea con la crescita più lenta dei ricavi", ha dichiarato Netflix in un comunicato, aggiungendo che sta continuando ad assumere in altre aree. I numeri della crisi Le difficoltà di Netflix sono state certificate dalla trimestrale di fine aprile. Nei primi tre mesi del 2022 gli abbonamenti sono calati di 200mila unità. Per questo trimestre - dati ancora da registrare - si prevedeva la perdita di altri 2 milioni di abbonati sul mercato internazionale. Secondo i dati resi noti a maggio da Antenna, società di analisi che li raccoglie da 5 milioni di americani, Netflix ha registrato 3,6 milioni di cancellazioni di abbonamenti nel primo trimestre del 2022, oltre un milione in più rispetto a quanto registrato dall'azienda nel primo trimestre del 2021 e nel quarto trimestre del 2021. I concorrenti americani  Mentre Netflix fatica, altre piattaforme sono sulla cresta dell'onda. Secondo Antenna, come riportato dall'Agi, gli abbonamenti statunitensi nella categoria Premium sono cresciuti del 4% trimestre su trimestre e del 24,7% anno su anno. La ricerca ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?