Stramilano da primato. Il Kenya domina ancora. Tripletta fra gli uomini. Dessie gioia per l’Etiopia

Kimtai regola i connazionali Kimutai e Waithira. Record di presenze: 62mila

Il Kenya si conferma protagonista alla Stramilano 2024, Sono stati ben ottomila gli atleti che questa mattina si sono sfidati nella Half Marathon su un inedito percorso di 21 chilometri in partenza da piazza Castello. Nella gara maschile ha vinto Antony Kimtai, che ha chiuso la gara in 1:00.31 davanti ai connazionali Vincent Kimutai Towett (1:00:41) e Simon Mwangi Waithira (1:00:43). Il primo degli italiani è stato invece Francesco Guerra, del gruppo sportivo dei Carabinieri, arrivato col decimo tempo e un crono di 1:03.19. Ha invece trionfato l’Etiopia nella gara femminile, conquistata da Genaneh Anchinalu Dessie in 1:07:55, ma al secondo posto è arrivata un’altra rappresentante del Kenya, Michira Morine Gesare, in 1:08:13. Sul gradino più basso del podio Parlov Kostro Matea (Croazia), terza in 1:11:14. Quarta posizione per la prima delle italinae, Elisa Palmero, con 1:11:40. In tutto gli atleti professionisti partecipanti erano 8mila, un primato per la manifestazione.

Grandissima partecipazione per quel che riguarda tutti i presenti alla Stramilano, amatori compresi. Sono infatti stati 62mila i “registrati“ per la cinquantaduesima edizione, cominciata alle 9.30 con il tradizionale colpo del cannone storico del reggimento artiglieri a cavallo. A dare il via alla manifestazione è stata la madrina scelta per quest’anno, Jessica Brugali, conduttrice radiofonica, affiancata dall’assessora allo sport del Comune di Milano, Martina Riva.

La prima gara in programma era proprio la mezza maratona, mentre alle 9.30 è partita la 10 chilometri, che presentava un’altra grande novità di quest’anno. I corridori potevano infatti portare con sé anche i propri cani, per affiancarli lungo il percorso. Alle 10 hanno invece cominciato la gara i protagonisti della Stramilanina, 5 chilometri dedicati a tutta la famiglia, con i più piccoli accompagnati da genitori e maestri.

Al termine dell’evento tutti i partecipanti alle tre gare in programma si sono riuniti sotto l’Arco della Pace per la consegna delle medaglie e tutte le iniziative a corollario, il momento di ristoro per chi ha terminato la corsa e le esibizioni messe in piedi dagli organizzatori, compresa un’esibizione acrobatica dei Paracadutisti del Centro Sportivo Carabinieri. Tantissime le associazioni che hanno voluto legare il proprio nome alla Stramilano di quest’anno. Il Conservatorio di Milano, presente con la propria musica in diversi punti del percorso, la Croce Rossa Italiana che ha organizzato una serie di massaggi defaticanti in un’apposita area relax e tante altre realtà del territorio che operano nel sociale, da Abio e Dutur Claun che si occupano dei bambini in ospedale, fino alla Cooperativa Sociale Fabula per l’educazione delle persone con disabilità, ai City Angels e a Bistari Bistari Kalika.

Già decise le date dei prossimi appuntamenti: il 1° dicembre è in programma la seconda edizione della Stramilano Sottozero, mentre la 52esima della Stramilano canonica è in calendario il 30 marzo 2025.