FULVIO D'ERI
Calcio

Udinese-Milan, le pagelle rossonere: disastro Kalulu, Diaz unica certezza

La squadra di Pioli lenta e senza idee: Ibra titolare dal primo minuto non incide, da dimenticare il rientro di Ballo-Touré

Diaz  e Ballo-Touré contrastano Ehizibue

Diaz e Ballo-Touré contrastano Ehizibue

Milano – Non si salva praticamente nessuno nella brutta sconfitta del Milan a Udine. Ecco le pagelle dei rossoneri nel 3-1 rimediato contro i bianconeri. 

Maignan 6: Non è molto reattivo sul primo gol ma la palla di Pereyra passa sotto le gambe di Bennacer senza lasciagli il tempo di intervenire. Sul secondo e il terzo non può nulla.

Kalulu 5: Male, molto male, sbaglia tantissimo e tiene in gioco Ehizibue in occasione del gol che chiude la gara.

Thiaw 5: non anticipa mai Beto che lo brucia anche nell’azione del 2-1. Un passo indietro rispetto alle ultime prestazioni.

Tomori 5: anche lui in difesa balla, si addormenta sul passaggio di Bennacer in occasione del primo gol dell’Udinese e soffre Beto e gli attaccanti bianconeri (30’ st Calabria sv).

Saelemaekers 5.5: le azioni più pericolose del Milan vengono dalla sinistra e lui è spesso il protagonista. E’ il meno peggio sulle fasce ma non basta (20’ st Rebic 5.5).

Tonali 5: lì sulla catena di sinistra gli manca maledettamente Theo Hernandez ma lui fa poche cose giuste. Non è quel centrocampista che corre e recupera palloni.

Bennacer 5: non è in gran spolvero, gioca una partita con tanti bassi e qualche buona giocata. Fatale quella mezza indecisione in occasione del primo gol dell’Udinese… anche se l’errore è di Tomori che si addormenta. (20’ st Krunic).

Ballo-Touré 5: Non è Theo Hernandez in fase offensiva e si vede. Il primo cross lo fa a 5’ dal termine. Non giocava da tanto tempo e si è visto.

Diaz 6: Se ce ne è uno da salvare è lui, qualche guizzo anche se non riesce quasi mai a strappare come lui sa fare (30’ st De Ketelaere sv).

Leao 5.5: da seconda punta non trova gli spazi per prodursi nelle sue accelerazioni, è uno dei pochi che prova a far qualcosa ma da uno come lui ci si attende molto di più

Ibrahimovic 5.5: Segna il rigore e diventa il marcatore più anziano della serie A. Per il resto si vedono tutti i suoi 41 anni e rotti, fa molta fatica, non tira mai in porta (30’ st Origi sv)

All. Stefano Pioli 5: la squadra è involuta, l’Udinese ha meritato di vincere. Il Milan fa fatica e il 3-4-2-1 non convince affatto come non convince un approccio alla partita non da grande squadra. E lui è il condottiero… ma non è “on fire”.