Paolo Sorrentino (Ansa)
Paolo Sorrentino (Ansa)

Roma - "E' stata la mano di Dio" di Paolo Sorrentino è il film designato a rappresentare l'Italia nella categoria che premia il film internazionale, alla 94esima edizione degli Academy Awards.  La Commissione di Selezione per il film italiano da designare all"Oscar, istituita dall'Anica su incarico dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences, riunita davanti a un notaio e composta da Alberto Barbera, Nicola Borrelli, Francesca Calvelli, Edoardo De Angelis, Piera Detassis, Andrea Goretti, Benedetto Habib, Federica Lucisano, Paolo Mereghetti, Lucia Milazzotto, Anna Praderio, ha votato per il film di Sorrentino.

"È stata la mano di Dio" concorrerà per la shortlist che includerà i quindici migliori film internazionali selezionati dall`Academy e che sarà resa nota il 21 dicembre 2021.  L'annuncio delle nominations (la cinquina dei film nominati per concorrere al premio) è previsto per l'8 febbraio 2022 mentre la cerimonia di consegna degli Oscars si terrà a Los Angeles il 27 marzo 2022.

 Il film autobiografico del regista napoletano è stato scelto tra le 18 pellicole candidate, tutte distribuite in Italia nel 2021. 

Il commento del regista

"'È stata la mano di Dio'" è il mio film più importante e doloroso e sono felice che tutto questo dolore oggi sia approdato alla gioia", dice il regista Paolo Sorrentino. "Quello di oggi è solo il primo passo e il bello di questa gara è che l'unica competizione al mondo in cui arrivare già tra i primi cinque è una vittoria", prosegue. "Sono felice che il film sia stato selezionato. Ringrazio di cuore la commissione dell'Anica, che ha scelto il mio tra tanti bei film. Ringrazio The Apartment, Fremantle e Netflix per avermi sostenuto. W il cinema italiano". 

In un post su Instagram il regista ha aggiunto: "'E stata la mano di Dio' E il film scelto a rappresentare l'Italia agli Oscar. Io, la troupe e gli attori festeggiamo con un tuffo a mare. Grazie". Il regista partenopeo posta, insieme al commento di ringraziamento, una foto che lo ritrae insieme ad alcuni membri della troupe del film immerso in acqua con delle telecamere 'protette' attrezzate per le riprese a mare.