Lo storico gruppo I Gufi
Lo storico gruppo I Gufi

Milano, 20 luglio 2018 - Ogni settimana lo sguardo di Roberto Brivio affilato in decenni di satira, esercitata come attore, scrittore e chansonnier, illuminerà angoli della Grande Milano di oggi: i suoi vizi, le sue virtù e soprattutto la sua gente, da raccontare con irriverenza e tenerezza, come sa fare lui. E in lingua madre: il dialetto milanese.

Me telefona  el Francesco Pellicini al qual so no che appellativ dagh perchè el fa' de tutt, l'attor ch'el canta, el cabarettista, el poeta, l'organizzator, el direttore artistich (de la soa compagnia, dei gibilee ch'el trà in pè come el festival de la comicità e el festival di lagh lombard, el Giuditta Pasta de Saronn) e anca l'amministrador, e per finì …l'amis, che l'è la roba pussè importanta. El va' in gir a contà che l'è sta' me alliev e l'è vera. Che el studiava per fa' l'avvocat e che dopo la laurea l'ha dismiss de voeurè fa' l'attor in tribunal per fall sul pachscenich che ghe dava maggior soddisfazion anca quand i primm temp a eren difficil. Insomma l'ha fa' el so' iter, come se diseva a Roma quand el latin l'era minga 'na lingua morta, el se fa' regalà nient, ma cont la costanza, la voeja de vess indipendent l'ha tirà sù ona nicchia, che ogni ann la diventa semper pussè granda, per fag stà la miè Isadora conossuda nel stess cors de teater in doa insegnavi recitazion, i duu fioeu, Francesca e Riccardo, el fradell Paolo che el sona la chitarra come el Patruno e el conoss tutti i canzon di Gufi, specialment quej che hoo scritt mi (testi) musicàa dall'Albertarelli.

Insomma el me telefona e el me dis de ricordamm che venerdì 20 Luj sont a fa' spettacol insema a la Raimondi a Pino di Maccagno. E l'ha fa ben, perché l'era facil desmentegamm. El cald, la poca voeuja de girà in macchina: mi viaggi possibilment in treno regional cont l'aria condizionada, te legget, te se stresset minga, te spendet di volt on terz de quel che te pagarisset tra benzina, autostrada e fermad in autogrill in doa te venden minga caffè ma cioffega, come el diseva Totò, tranne vun che te troeuvet su la Milano Meda, prima de rivà all'imboccadora de la Tangenziale Nord. Me sont fermà ona volta e n'hoo bevù duu de fila tant le trovavi gustos. In del stess distribudor me sont fermà a mezzanott de on 31 Dicembre. S'eri drè andà a fa on 'doppion' l'ultim dell'ann e la mezzanott la m'ha ciappà propri lì. In quej occasion gh'hoo semper la bottiglia de spumant in macchina e la temperadura l'è no quella dell'estàa. Dervi el baull come on frigorifer e stappi mentre la Raimondi cont so' fradell che el faseva de autista accompagnador preparava i biccer (semm andà a portan vun anca all'autogrillista) in mezz a ona guerra de foeugh artificial che esplodeven al de là de ona radùra semi circolar. L'era on spettacol. Te pareva de vess foeugh anca ti, pront per vess mandà pussè in alt de tutti. Perché regordi propri in questi dì 'sto particolar Eh, perché, la frescùra de la serada la me va gio' per el coppin e la me consola, la me da' refrigeri, soddisfazion. Si' l'è vera, zucch e melon la soa stagion, ma d'inverna l'è bell immaginass l'estàa, el cald, el sol, i sudad e d'està l'è bell pensà all'inverno. Tant cald l'è cald! Come la mia canzon. “Fa caldo nelle case/ fa caldo sugli asfalti/fa caldo sugli spalti/nei cinema e nei bar/ fa caldo nei cortili/ sul tram e dal barbiere/ fa caldo nel cantiere/fa caldo nel garage/ fa caldo giù in cantina/ e sopra il grattacielo/nel frigo i ghiaccioli/ son tutti picciu pacc/” Beh, nel ritornell entri in d'on clima divers, quel clima che el m'ha dà l'appellativ de Cantamacabro.

E ve disi in confidenza che in di ann '60, l'era minga facil cantà 'sti tipi de canzon (vedi You Tube I Gufi a colori, Fa caldo di Brivio/Patruno). Ma a furia de faj, anca i Rockettari j hann sonà, minga i me, alter, e in 'sti dì hoo sentì on rapper in crescita che el parla de funeraj, tomb, pompe funebri, cimiterj. E sì perché parland de la mort se dà importanza a la vita. Gh'hinn vorsù dai ann '60 al 2018, 58 ann per falla capì, per evità i scongiuri, i dit incrosà, indes sora el lunghignan (medi), i corna, toccà ferr (i donn) toccà alter (i omen). Adess nissun fa' cas ai cartell per la strada con l'Outlet di funeral. Adess cantarissen tutti el me “Funeral Show/ gente tanto vale fare un funeral show/ ridere e scherzare in questo funeral show/ con le vesti tutte nere/ sventolar bandiere in questo funeral show/” e i ciaccier de la gent al seguit “Ecco che per strada passa un funerale/ ossequi, condoglianze come va / Ha visto Studio Uno, Ho fuso il Maserati/ ma pensa che vergogna, quella…c'è/ E' stato un grosso colpo/ ma non li prendon più/ la tratta trenta giorni a Cefalù/ Sembrava un angioletto/ è morto come un re/ aveva segretaria e pied a tèrre/ Un vecchio si avvicina tocca il braccio ad un parente/ Ma pensi che l'ho visto in ascenseur/ Non mi fate un torto, datemi un cordone/ ricorda l'hanno scorso a Courmayeur…” ma se po' ridd di funeral Sì, quand te legget titol come questi chi, ciamà refusi “ Il bambino nato con due teste sembra normale” “Prima di morire la donna senza testa era andata dal parrucchiere” “ Il cadavere girava per il quartiere senza rivolgere parola ad anima viva” “In seguito ad un tragico scontro con un tram un carro funebre si è ribaltato nel Naviglio, gli occupanti sono illesi” “ Incendio in una camera ardente, non si è salvato neppure il morto”. Senza contà i segnaj stradal. A Pavia gh'è ona via che la se cjama “Massacra” e propri a metà via gh'èra l' impresa de Pompe Funebri 'Felice Malattia'.

A Conegliano Veneto hoo vist on cartell cont scritt “Automobilisti, se dovete sorpassare un ciclista, lasciategli almeno il posto per cadere”. L'istessa ironia, che se troeuva davanti a on cimiteri de on paesin de la costa adriatica “ Cimitero riservato ai morti che vivono nel Comune”, che te troeuvet in cima ai Giovi davanti a on cimiteri squas in curva. Gh'è de savè, prima de fa' la battuda, che a Genova gh'è on impresa de Pompe Funebri che se cjama Campirio. Nel cartell davanti al cimiteri gh'era scritt “Automobilisti correte, Campirio vi aspetta.” Tiri anca a man vun di ultim liber che hoo scritt “Attenti al Gufo” ediz. Meravigli, in doa fasevi un elenco di avvis pubblicaa in di vedrin parrocchial. Tant per restà sul macabro gh'era scritt in voeuna “Per favore mettere le vostre offerte nella busta assieme ai defunti che volete ricordare”. Minga domà i coadiutor se lassen andà, anca i collaborator de on Comun. Hann scritt : “Tra pochi giorni inizieranno i lavori di pulizia del cimitero. Si pregano gli interessati di curare la pulizia dei propri cari defunti.” Che roba, eh ! Nient in confront a quell che succed adess. Se salva pù nissun. E tornen de moda robb che ona volta a eren minga consideraa, ma a numm serviven per dà pugn in del stomich a la gent. Anca mi me sont adeguà. E chi che el voeur sentì on quajcoss de vecc in manera noeuva che el vegna a Maccagno venerdì 20 Luj, quand la terra, second ona canzon scritta dal Marelli e da mi (La vosetta del Lunari) cont musica del Sergio Parisini, “ la buj”. brivio.roberto@yahoo.it