Skyline di Milano
Skyline di Milano

Milano, 10 dicembre 2019 - Avoo giò piatt. Chi el dis che Il Giorno l’è on giornal che l’è minga all’altezza, se sa no de cos’è ma la critica la se ferma semper lì, chi el dis che el gh’ha ona impaginazion trop variopinta e pocch seria, chi el dis che i notizi a hinn frammentarii, che gh’è troppa varietà anca nell’esposizion di cronache, e che i pagin dedicaa a la provincia de Milan e arent creen confusion, el po’ andà a scoa el mar e doprà i besii per sugass. Intant el gh’ha ona disposizion di argoment, pagina per pagina, spiegà mej, inquadraa, semplificaa perché tucc i e podessen capì. Poeu per i palaa pussè fin e esigent el tratta roba da enciclopedia con spiegazion, disegn, inquadrament, a la portada de tucc. Me piasen i parol nett. Come quej de l’articol de fond del direttor intitolàa “Così Milano dà il tempo: crediamoci.” El gh’ha reson.

Numm milanes semm i primm a credegh no a ‘sta Milan. In ‘sti trii dì de pont (6-7-8) hoo faa on’esperienza unica. Insema a Grazia Maria Raimondi (mièe e partner indispensabil come attrice), Maria Brivio (già annonziatrice RadioRai e poeu anca TV), Federika Brivio (attrice de provada esperienza), e Sergio Ferrari (el me accompagnador cont la fisa da squas vint ann), in on Centro Commercial de Monza, hoo miss in scena on spettacol sul Nadal, in milanes e in italian, cantà e recità. La gent se fermava, la se sentava giò, la se alzava, l’ascoltava, la cicciarava, la commentava, l’era semper sorridente e la voreva che i fioeu fasessen foto con mi, Babbo Nadal, barba compresa. E mi cercavi de parlà a ‘sti fioeu piscinin e grand (dai duu ai des ann) che me diseven el nomm, l’età e la class; rispondeven timid o cont coragg, se faseven fotografà dai genitor content de avegh on ricordo del Nadal.

Tucc i fioeu me diseven el regal che avarissen vorsù. Tra i tanti, vun el m’ha ditt: un Kebab. E mi: “El gioeugh del Kebab?” “No” l’ha segutà. “On Kebab”. In la risposta gh’era dent la soa cultura, l’amor per el so’ paes, la soa cusina, la mamma che ghe le faseva o el papà che el gh’haveva fa’ vegnì gola. T’è capi? Caro Sandro? L’evento simbolo per lu l’è on Kebab. Ecco perché disi che el me film el sarà intitolà “L’Ultima Milano”, come l’è stada l’Ultima Scala. Moral: devom abituass, come devom fall per parlà in milanes, se voerom salvall, ‘sto linguagg, e se voeurom che Milan el daga a tutti el temp.

mail: brivio.roberto@yahoo.it