Comune, Ats Milano e Protezione civile sono mobilitati
Comune, Ats Milano e Protezione civile sono mobilitati

Bresso (Milano), 31 luglio 2018 - Quarantasei contagiati, tre decessi, quattrocento campionature nelle abitazioni e negli spazi esterni sensibili: è il bilancio dell’epidemia di legionella che sta colpendo Bresso. Ancora ignote le cause della diffusione. Comune, Ats Milano, Protezione civile e amministratori di condominio sono mobilitati da settimane; l’acquedotto è già stato controllato due volte da Cap: i risultati dei prelievi sono negativi al batterio.

Dopo l'acqua, si controllerà l’aria. Il sindaco Simone Cairo vuole verificarne la qualità. Per questo, ha firmato un’ordinanza per avere una mappa completa degli impianti delle cosiddette “torri di raffreddamento a umido e dei condensatori evaporativi” presenti sul territorio. Nello scorso weekend, il primo cittadino si è recato al Niguarda di Milano e al Bassini di Cinisello Balsamo, dove sono ricoverati i bressesi che hanno contratto la legionella. "Ho constatato con sollievo che molti di loro sono in miglioramento - dice Cairo -. Ho parlato con tutti i ricoverati e con i loro familiari, raccontando quanto stiamo facendo. Ho portato la vicinanza mia e della città. Mi hanno raccontato le loro esperienze di questi giorni, i sintomi e le difficoltà che hanno avuto. Ho ringraziato il personale medico e infermieristico che sta seguendo i nostri cittadini ricoverati".

I controlli si allargano alle industrie e agli spazi commerciali con torri di raffreddamento e con condensatori evaporativi, che sono utilizzati nei processi industriali e negli impianti di condizionamento centralizzati: questi apparecchi raffreddano il flusso d’acqua. Potrebbe esserci il rischio che ci sia stata la dispersione nell’atmosfera di vapore contaminato, con gocce di varie dimensioni con all’interno la legionella. I proprietari dovranno comunicare al Comune di Bresso, entro pochi giorni, lo “stato di salute” dei loro impianti. Nulla sarà trascurato. Altri e numerosi dati sull’acqua arriveranno dai controlli e dalle verifiche che gli amministratori di condominio bressesi attueranno a breve. "Ringrazio gli amministratori per la loro importante collaborazione sulla tutela della salute della cittadinanza - conclude Cairo -. Abbiamo avuto diverse riunioni. Per conto loro verificheranno gli impianti comuni dei palazzi, condividendo la grande mole di risultati e di dati che raccoglieranno".