Il primo colpo di ruspa
Il primo colpo di ruspa

Cinisello Balsamo (Milano), 1 dicembre 2019 – E' stato il presidente della Regione Attilio Fontana a dare il primo colpo di ruspa per l'abbattimento dell'ecomostro di Cinisello Balsamo. Questo pomeriggio, sotto la pioggia battente, il governatore lombardo ha preso parte insieme all'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera all'avvio del cantiere che entro la prossima estate trasformerà il frontespizio dell'ospedale Bassini, lungo la via Gorki.

Grazie a un contributo regionale di 2,5 milioni l'Azienda ospedaliera Nord Milano ha potuto dare avvio a un progetto di abbattimento dell'auditorium in cemento armato costruito più di 30 anni fa e mai terminato in seguito agli scandali di Tangentopoli. Al suo posto sorgerà una moderna palazzina per uffici, completamente in legno e realizzata con tecnologie ecosostenibili. Ospiterà la nuova sede amministrativa dell'azienda ospedaliera.

“L'abbattimento di questo edificio dove sorgerà la nuova palazzina dell'Asst Nord Milano - ha evidenziato Fontana - ripara un grave danno commesso in passato. Voglio ringraziare il sindaco e tutti i rappresentanti politici del territorio che si sono battuti per ottenere questo risultato, e la dottoressa Fabbrini che ha portato avanti il progetto. Come Regione abbiamo investito 2 milioni e mezzo per questo intervento che ben si inquadra nell'ambito della nuova legge regionale di rigenerazione urbana, recentemente approvata, che ha proprio tra i suoi obiettivi guarire quelle ferite inferte alle città da immobili dismessi e aree abbandonate".

A fare gli onori di casa è stato il direttore generale dell'Asst Nord Milano Elisabetta Fabbrini che ha spiegato i dettagli dell'intervento. “La nuova palazzina - ha spiegato Fabbrini - consentirà di centralizzare tutte le attività amministrative e di supporto nei due presidi ospedalieri di Cinisello Balsamo e Sesto San Giovanni, liberando così spazi per oltre 1200 mq nei Poliambulatori di Milano, per il potenziamento delle attività sanitarie e socio-sanitarie”.

A dimostrazione di quanto fosse atteso questo progetto, alla cerimonia hanno preso parte il sindaco Giacomo Ghilardi e l'onorevole Jari Colla, che negli ultimi anni avevano compiuto un vero pressing nei confronti di Regione Lombardia; Il sindaco di Sesto San Giovanni Roberto Di Stefano e l'europarlamentare Silvia Sardone; diversi esponenti della giunta e della politica locale.
Nei prossimi mesi le ruspe procederanno all'abbattimento dell'intera costruzione rimuovendo circa 13mila metri quadrati di cemento armato. Una grossa pinza meccanica ridurrà le pareti armate in piccoli pezzi. Successivamente verrà avviata l'edificazione del nuovo edificio, che dovrà essere pronto e operativo entro la fine dell'estate.