La struttura danneggiata
La struttura danneggiata

Sesto San Giovanni (Milano), 7 novembre 2018 - Un sopralluogo tecnico, con un primo contraddittorio sul campo, quello di lunedì pomeriggio che ha visto Comune e Arci Milano nell’area di via Granelli. Entro il 31 dicembre l’operatore dovrà restituire il Carroponte al municipio: è infatti scaduto il contratto di gestione di Arci, che passerà il testimone alla società Hub Music Factory, che ha vinto il bando di gara. "È stata una verifica intermedia per valutare lo stato dell’impianto - spiega l’assessore all’Urbanistica, Antonio Lamiranda -. Entrambi ci siamo riservati di redigere una valutazione, ma possiamo anticipare che chiederemo il ripristino di alcune situazioni che non rispondono a conformità. Ad esempio, ci sono danni evidenti sul palco e parte del parquet è sfondata". C’è poi la partita sul manto erboso, che si ripropone a fine di ogni stagione estiva.

Settimana prossima ci sarà un secondo sopralluogo per constatare esclusivamente il verde con l’impresa del Comune e i tecnici di Arci. Resta, infine, l’affaire delle bollette di energia elettrica. A luglio 2017, appena insediata, la giunta aveva contestato 270mila euro di consumi pregressi anticipati dalle casse pubbliche e mai saldati da Arci. Che, inizialmente, aveva presentato una controperizia che certificava circa 55mila euro di energia elettrica per gli ultimi 7 anni. Dopo una lunga trattativa, Arci e Comune hanno trovato l’intesa, anche per non compromettere la stagione appena conclusa: un acconto subito di 70mila euro e il resto da calcolare sulla base dei consumi di quest’anno. "L’altro giorno abbiamo effettuato la lettura del contatore. Sulla base dei calcoli di quest’anno, che serviranno come metro di paragone, andremo a parametrare gli anni passati per emettere il saldo finale - continua Lamiranda -. In ogni caso, dopo la presentazione dell’ultima bolletta da parte del concessionario, i nostri uffici hanno 60 giorni per eventuali controdeduzioni".

Intanto, sui social Arci Milano ed Eventi e Trenta (quest’ultimo aveva partecipato alla nuova gara) hanno salutato il pubblico. "Nove anni non sono facili da riassumere, così come non è facile dover dire arrivederci a un progetto che siamo orgogliosi di avere pensato, ideato, offerto, sudato. Uno spazio progettuale, contenitore di cultura e aggregazione alla portata di tutti: acqua gratuita, attenzione all’ambiente, oltre il 50% di eventi a ingresso gratuito, centinaia di laboratori per i più piccoli, presentazioni di libri, manifestazioni di organizzazioni no profit e più di mille concerti che dal 2010 hanno fatto di Carroponte quello che è. Il nostro non è un addio ma un arrivederci con l’augurio di buon lavoro agli amici di Hub Music Factory, società che gestirà Carroponte per i prossimi due anni: speriamo che la strada solcata finora porti la migliore fortuna".