La crisi Covid picchia duro e Concorezzo tende la mano alle famiglie in difficoltà, 98mila euro in arrivo per aiutare chi ha il bilancio domestico in rosso. Le domande accolte sono 66 su 79, tutti riceveranno aiuto per la spesa e per l’affitto, 15 anche per pagare la rata del mutuo, i contributi sulle abitazioni saranno...

La crisi Covid picchia duro e Concorezzo tende la mano alle famiglie in difficoltà, 98mila euro in arrivo per aiutare chi ha il bilancio domestico in rosso. Le domande accolte sono 66 su 79, tutti riceveranno aiuto per la spesa e per l’affitto, 15 anche per pagare la rata del mutuo, i contributi sulle abitazioni saranno recapitati direttamente sul conto corrente dei creditori: padrone di casa, Aler, banche.

Per coprire invece i costi di vestiario, riempire il carrello e pagare le bollette il Comune consegnerà, appena pronte, carte pre-pagate con la cifra destinata a ciascuno. Con questi soldi l’amministrazione ha stanziato mezzo milione di euro per salvare i più fragili e le attività dagli effetti economici del virus. "È l’ottavo bando dall’inizio della pandemia - spiega Walter Magni (foto), assessore ai Servizi sociali -. Uno sforzo che si affianca al lavoro della macchina che segue da vicino le situazioni più delicate anche con progetti a lungo termine". Non solo. "Il piano di salvataggio - aggiunge - è stato l’occasione per sperimentare un modo nuovo di gestire i contributi, le pre-pagate ci permetteranno di ottimizzare il tempo e le risorse a disposizione".

In tutto il territorio si rincorrono iniziative simili, anche Agrate è in prima linea con ingenti risorse pubbliche per contrastare la povertà che avanza, finora per stringere le maglie della rete anti-crisi ha investito 1 milione. L’ultima iniezione di liquidità risale a tre settimane fa: 280mila euro, 2 mila euro massimo a famiglie, anche per spese universitarie, sport e cultura "e arginare così il rischio di abbandono", sottolinea il sindaco Simone Sironi.

Bar.Cal.