L'ordigno scoperto dai carabinieri nella villetta di Meda
L'ordigno scoperto dai carabinieri nella villetta di Meda

Meda (Monza Brianza), 22 maggio 2019 - I carabinieri della caserma di Meda hanno fatto un controllo in una villetta dove vive una coppia di 70enni che ha regolarmente denunciato delle armi. Durante i controlli, però, la donna ha mostrato ai militari un ordigno utilizzato dalla donna come bomboniera e al bisogno come schiaccianoci. Un reperto bellico lasciatole dal padre e che la signora da tempo voleva liberarsene, poichè non sapeva cosa fosse.

Come prevede la procedura, i carabinieri hanno subito chiamato gli artificieri del comando provinciale di Milano che hanno recuperato con cautela l’ordigno. Come da prassi gli artificieri hanno fatto evacuare la villetta bifamiliare dove vive la coppia di anziani, poi hanno trasportato la bomba della Seconda Guerra Mondiale in una cava a Paderno Dugnano per farla brillare. Si trattava di uno dei residuati bellici più pericolosi, che veniva sparato da un cannoncino d’artiglieria. A carico della donna non è stato emesso nessun provvedimento perché inconsapevole della detenzione di un ordigno potenzialmente così pericoloso.