Il sindaco di Monza Dario Allevi ha deciso  di intervenire per tutelare i tanti cittadini
Il sindaco di Monza Dario Allevi ha deciso di intervenire per tutelare i tanti cittadini

Monza, 25 settembre 2019  - "Il Comune di Monza ha depositato un esposto in Procura a seguito della preoccupazione crescente per i continui e gravi disagi olfattivi lamentati dalla cittadinanza conseguenti all’attività dell’azienda Asfalti Brianza Srl ".
Dopo l’ultimo sopralluogo di Arpa, in cui si accertava che la ditta non aveva provveduto ad installare impianti di abbattimento specifici per il trattamento di potenziali emissioni odorifere, il sindaco Dario Allevi accompagnato dall’assessore all’Ambiente Martina Sassoli ha consegnato ieri nelle mani del procuratore aggiunto Manuela Massenz l’esposto.

"La soluzione non può più essere rinviata di un solo giorno", ha detto il sindaco, che oggi ha fatto anticipare un incontro con Arpa, chiamando direttamente l’assessore regionale all’Ambiente. A Monza il livello di sopportazione degli odori emessi dalla Asfalti Brianza srl ha oltrepassato ogni limite tollerabile e, dopo anni di segnalazioni, incontri, valutazioni tecniche, rilievi e promesse di interventi, l’obiettivo è diventato quello di fermare l’attività dell’azienda di conglomerati bituminosi di Concorezzo, i cui miasmi sono ormai percepiti, oltre che a Sant’Albino, anche nei quartieri Libertà, Cantalupo e Cederna. Nell’ultima settimana, in particolare nella notte di venerdì, gli odori sono stati tanto forti che decine di monzesi allarmati hanno chiamato i centralini del Comune e delle forze dell’ordine. "Sabato ho incontrato persone tanto esasperate che quasi mi aggredivano pretendendo che facessi qualcosa – aggiunge Allevi –. Siamo vittime di questa situazione, l’azienda è sul territorio di Concorezzo e a Monza non abbiamo alcun potere d’intervento. Per questo mi rivolgo alla Procura: vogliamo sapere cosa succede, cosa respiriamo e come fermare questo fenomeno".

Sabato, con il sindaco di Concorezzo Mauro Capitanio, Allevi ha telefonato all’assessore regionale all’Ambiente Raffaele Cattaneo per sollecitare perché siano eseguite nuove verifiche di Arpa: il tavolo tecnico con Arpa previsto l’8 ottobre è stato anticipato a oggi, mentre l’1 ottobre ci sarà quello in Provincia. Il vicesindaco Simone Villa ricorda che il problema con Asfalti Brianza viene affrontato da 4 anni e, invece di migliorare, è peggiorato per il continuo aumento della produzione dell’impianto: "Gli odori si sono ampliati troppo - conclude - e nell’immediato non c’è altra soluzione se non il fermo dell’attività e l’avvio di un monitoraggio costante della qualità dell’aria".