Quotidiano Nazionale logo
4 mag 2022

Ucraina, tragico incidente stradale sull'autostrada tra Kiev e Chop: 27 morti

Violento scontro tra un bus, un camion che trasportava carburante e un'auto. Per le autorità è "il più grave incidente degli ultimi dieci anni"

Il gravissimo incidente stradale in Ucraina
Il gravissimo incidente stradale in Ucraina

Almeno ventisette persone sono rimaste uccise nello scontro tra un autobus, un camion di carburante e un'auto nella regione ucraina occidentale di Rivne. Tra loro due ragazzi di 17 anni. Lo rendo noto il ministero degli Interni ucraino, citato dai media locali. L'incidente si è verificato sull'autostrada tra Kiev e Chop. "Dei 38 passeggeri che erano sul bus - spiega il consigliere ministeriale Anton Gerashchenko - ne sono sopravvissuti solo 12. Anche il conducente del camion è sopravvissuto, ma versa in condizioni critiche".

Il bus divorato dalle fiamme
Il bus divorato dalle fiamme

"La 27esima vittima è l'autista di un minibus Mercedes Vito che, secondo le prime informazioni, è stato il colpevole della più grande tragedia sulle strade ucraine degli ultimi dieci anni", ha osservato Gerashchenko.

La polizia ucraina ha identificato tutte le 38 persone rimaste coinvolte. Secondo l'inchiesta della Procura di Rivne, il Mercedes Vito che viaggiava sulla strada "Kyiv-Chop", in direzione Leopoli, durante un sorpasso si è scontrato con un camion Mercedes e un'autocisterna, che è finita nella corsia opposta, dove ha impattato contro un autobus che trasportava passeggeri - per lo più famiglie - sulla rotta Kharkiv-Zgorzelec, in Polonia. Poi il camion è finito in un fosso ed è esploso.

 Le forze dell'ordine sono risaliti ai luoghi di residenza di tutte le persone coinvolte: provenivano dalle regioni di Zhytomyr, Kiev, Chernihiv, Kharkiv e Khmelnytsky. "Sono in corso le ricerche dei parenti delle quattro vittime della regione di Kiev", fa sapere il Ministero degli Interni, chiedendo a chi "ha informazioni sulla ricerca di conoscenti o parenti di persone della regione specificata, di telefonare alla polizia".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?