Un momento di Squid Game
Un momento di Squid Game

Condannato a morte per aver contrabbandato Squid Game, la serie sudcoreana di successo planetario, in Corea del Nord. Lo riferisce Variety citando Radio Free Asia, che ha base negli Usa. Si tratta di uno studente che ha portato la serie trasmessa da Netflix dalla Cina dopo averla caricata su una chiavetta Usb.

Squid Game 2, confermata la seconda stagione della serie

È stato scoperto dopo che le autorità hanno sorpreso alcuni studenti a guardare Squid Game. Rischia il plotone di esecuzione. Gli altri studenti sono stati condannati a cinque anni di lavori forzati mentre insegnanti e dirigenti della scuola sono stati licenziati e rischiano di finire a lavorare nelle miniere, dice Variety.

Nel 2020 il regime nordcoreano ha approvato una 'Legge per l'eliminazione del pensiero e della cultura reazionari' che proibisce l'ingresso e la divulgazione nel Paese di materiale culturale straniero come film, musica e libri. Il provvedimento ha principalmente lo scopo di impedire la diffusione di contenuti prodotti dalla Corea del Sud e dagli Stati Uniti.

Pyongyang ha inoltre diramato un "invito" affinché i cittadini avessero un ruolo ancora più attivo nel riferire i "comportamenti illegali" alle autorità, includendo un elenco di 20 reati prioritari, tra cui appunto la diffusione di materiale straniero, sia digitale che cartaceo. Il primo a farne le spese, l'aprile scorso, è stato un certo Lee accusato di contrabbando di cd che contenevano film sudcoreani, oltretutto piratati: l'uomo è stato arrestato e in meno di 40 giorni portato davanti a un plotone di esecuzione in una piazza di Wonsan, con l'intera famiglia costretta ad assistere alla fucilazione.