Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
30 mar 2022
30 mar 2022

Mku, chi sono i neonazisti ucraini arrestati in Russia

La sigla sta per "Maniacs, il culto degli assassini". Il capo è il 20enne Yehor Krasnov. Per Mosca sono terroristi

30 mar 2022
featured image
Una formazione neonazista ucraina
featured image
Una formazione neonazista ucraina

Non c'è solo il battaglione Azov tra i gruppi neonazisti ucraini. Se la milizia nazionalista guidata da Denis Prokopenko, che combatte dal 2014 nel Donbass contro i filorussi, in questo primo mese di guerra è impegnata in molti scontri frontali con l'esercito di Mosca, l'organizzazione Mku avrebbe un'altra missione, non propriamente bellica ma terroristica. La sigla è salita alle cronache nelle ultime ore per i 60 arresti effettuati dal Servizio Federale di Sicurezza della Russia nei confronti di altrettanti 60 membri del gruppo giovanile neonazista ucraino in 23 regioni russe. A riportare è Interfax.

L'annuncio

"Gli sforzi coordinati intrapresi in 23 regioni della Federazione Russa hanno portato alla detenzione di 60 seguaci della rete neonazista giovanile ucraina Mku costituita sotto il controllo dei servizi di sicurezza ucraini dal cittadino ucraino Yehor Krasnov, nato nel 2000 e ricercato, per commettere attacchi terroristici, omicidi di massa e crimini estremisti in Russia", ha annunciato l'ufficio stampa dell'Fsb.

I precedenti

Già a dicembre dello scorso anno, prima dello scoppio della guerra, altri 107 presunti affiliati di Mku erano stati arrestati in una trentina di regioni russe perché assoldati dall'organizzazione fuorilegge. In particolar modo, due di loro sono accusati di un tentativo di attacco armato a istituzioni scolastiche russe. Due le cellule attive "individuate" a dicembre, composte da sparuti gruppi, cui sono sono sequestrate  armi da caccia, munizioni civili a canna liscia e rigata, pistole di vario tipo e mitragliatrici, oltre ad armi da taglio e gas lacrimogeni. Nel corso del 2021 diverse operazioni di Fsb avevano portato alle detenzione di circa 60 neonazisti Mku.

La sigla

Mku è di recente formazione. Prima del 2021 l'organizzazione non veniva riconosciuta dalle autorità di Mosca. Media russi filogovernativi, dopo i primi arresti, riferivano di un’organizzazione neonazista, creata nel 2018 in Ucraina. L’acronimo Mku sta per "Maniacs. Il culto degli assassini". La loro ideologia si basa sul desiderio di neutralizzare persone di aspetto non slavo”. “In un primo momento, l’organizzazione ha operato solo in Ucraina. In seguito, la sua influenza ha cominciato a diffondersi in Russia”,

Il capo

Secondo l'intelligence russa, la guida è Yehor Krasnov, ventenne che sarebbe inchiuso presso una progione ucraina per tre rapine e un omicidio. Krasnov è stato arrestato il 10 gennaio 2020 dalla Polizia ucraina. Nonostante la reclusione, secondo i russi il giovane estremista dirige ancora la sua organizzazione in Russia e in Ucraina.

Se vuoi restare sempre aggiornato sull’evoluzione della guerra in Ucraina, iscriviti alla nostra newsletter compilando il modulo che trovi a fine pagina

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?