Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
23 mag 2022

Fallito un attentato a Putin. La rivelazione dell'intelligence Ucraina alla Pravda

Secondo gli 007 di Kiev il blitz sarebbe stato opera di esponenti caucasici. Il precedente, quando a salvargli la vita furono proprio gli ucraini

23 mag 2022
A fighter of the territorial defence unit, a support force to the regular Ukrainian army, leaves an abandoned building with a target on its door depicting Russian President Vladimir Putin, as he takes part with others in a training exercise outside Kyiv on May 20, 2022. - Russian soldiers are now focused on the south and eastern regions of Ukraine, but -- anticipating a drawn-out conflict -- Kyiv has stepped up the training of its new recruits so they are ready to face the enemy if and when needed. (Photo by Sergei SUPINSKY / AFP)
Vladimir Putin resta il principale obiettivo dei suoi detrattori
A fighter of the territorial defence unit, a support force to the regular Ukrainian army, leaves an abandoned building with a target on its door depicting Russian President Vladimir Putin, as he takes part with others in a training exercise outside Kyiv on May 20, 2022. - Russian soldiers are now focused on the south and eastern regions of Ukraine, but -- anticipating a drawn-out conflict -- Kyiv has stepped up the training of its new recruits so they are ready to face the enemy if and when needed. (Photo by Sergei SUPINSKY / AFP)
Vladimir Putin resta il principale obiettivo dei suoi detrattori

Mosca - Sarebbe fallito due mesi fa, poco dopo l’inizio della guerra, un nuovo tentativo di uccidere Vladimir Putin. Lo rende noto il capo del Dipartimento di intelligence del Ministero della Difesa ucraino, Kyrylo Budanov. «Sono stati diversi gli attentati alla vita del presidente russo — ha sottolineato Budanov — di recente quello ad opera di esponenti caucasici. Non si tratta di informazioni divulgate in modo pubblico, ma è corrispondono al  vero». Un precedente illustre si registra nel 2000, quando a sventare il blitz contro Putin furono proprio i servizi ucraini.   Nella Russia sconvolta dal dramma del Kursk e poi annichilita dalla tragedia della torre televisiva di Ostankino qualcuno, probabilmente i ceceni, voleva uccidere il presidente Vladimir Putin mentre partecipava al vertice informale della Comunità Stati Indipendenti a Yalta il 18 e 19 agosto 1999. Lo hanno rivelato l’anno successivo i servizi segreti russi, aggiungendo che per il tentativo di uccidere il presidente russo sono stati arrestati 4 ceceni e altri due non meglio precisati “medio-orientali”. Mentre il mondo tratteneva il fiato per la sorte dell’equipaggio del sommergibile inabissatosi nelle acque del mare di Barents, i servizi segreti russi e i vertici delle guardie presidenziali ricevevano, dai servizi di un altro paese non della Csi, un avvertimento su un attentato a Putin durante i due giorni in cui il presidente sarebbe rimasto in Ucraina. Furono allertate le guardie presidenziali e gli agenti dei servizi segreti ucraini e russi per proteggere la vita del presidente russo durante la sua visita ufficiale. Il blitz saltò perché Putin, investito dalle polemiche sulla sua assenza dal teatro del dramma del mare di Barentz, restò a Yalta solo poche ore invece dei due giorni previsti. I servizi ucraini arrestarono quattro ceceni . Ieri nel Donbass anche un sindaco nominato da Mosca a Energodar, una città ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?