Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
23 dic 2021
23 dic 2021

L'Afghanistan alla fame, le famiglie vendono i figli: gli Usa fermano le sanzioni

Biden si estende la decisione anche all'Onu: una mossa decisa per cercare di garantire il flusso di aiuti umanitari. Pesanti critiche dai Repubblicani

23 dic 2021
epa09648439 Taliban stand guard as people wait to enter the passport office following its reopening after a grap of one month in Kabul, Afghanistan, 18 December 2021. Passport Director Alam Gul Haqqani said on 18 December that passport issuing services, which were closed for one month due to overcrowding and technical problems with biometric devices, have resumed. The department currently handles around 3,000 passports a day in provincial offices. Since August, the entire country has been under the control of the Taliban, whose earlier government (1996-2001) was marked by a strict interpretation of Islamic Law (Sharia), human rights violations and the exodus of a large number of citizens.  EPA/MAXIM SHIPENKOV
La situazione dei civili in Afghanistan è ormai allo stremo
epa09648439 Taliban stand guard as people wait to enter the passport office following its reopening after a grap of one month in Kabul, Afghanistan, 18 December 2021. Passport Director Alam Gul Haqqani said on 18 December that passport issuing services, which were closed for one month due to overcrowding and technical problems with biometric devices, have resumed. The department currently handles around 3,000 passports a day in provincial offices. Since August, the entire country has been under the control of the Taliban, whose earlier government (1996-2001) was marked by a strict interpretation of Islamic Law (Sharia), human rights violations and the exodus of a large number of citizens.  EPA/MAXIM SHIPENKOV
La situazione dei civili in Afghanistan è ormai allo stremo

Kabul - L'Afghanistan muore di fame, con l'economia in pieno collasso dopo l'arrivo dei Talebani, molte famiglie vivono ormai in tende e son o costrette a vendere i figli per mille o duemila euro , come dimostra una recente inchiesta di Sky. E l'Occidente mette da parte la guerra economica, per salvare i civili.  Gli Stati Uniti hanno formalmente esentato i funzionari americani e delle Nazioni Unite che fanno affari consentiti con i Talebani dal rispetto delle sanzioni statunitensi. Una mossa decisa per cercare di garantire il flusso di aiuti all'Afghanistan che sta sprofondando rapidamente in una grave crisi umanitaria

Gli Usa considerano da anni i Talebani come un gruppo terroristico e su questa base hanno disposto il congelamento dei loro beni statunitensi e hanno vietato agli americani di intrattenere rapporti economici con loro. Dopo l'ultima mossa, il Tesoro mercoledì ha rilasciato tre licenze generali volte a facilitare i flussi di aiuti umanitari in Afghanistan. Due delle licenze permettono ai funzionari statunitensi e a quelli di organizzazioni internazionali, come le Nazioni Unite, d i impegnarsi in transazioni che coinvolgono i talebani o la rete Haqqani per affari ufficiali. Una terza licenza dà alle organizzazioni non governative (ONG) protezione rispetto alle sanzioni statunitensi per alcune attività, compresi i progetti umanitari. 

Un alto funzionario dell'amministrazione statunitense ha detto che i Talebani dovranno agire per evitare che l'economia dell'Afghanistan si contragga ulteriormente .  "Ciò che possiamo tentare di fare, ciò che lavoreremo per fare, è mitigare la crisi umanitaria portando risorse al popolo afgano, e queste licenze generali ci permetteranno di permettere alle organizzazioni che stanno facendo questo lavoro di fare esattamente questo", ha detto il funzionario ai giornalisti.  Il repubblicano più importante della commissione per gli affari esteri della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha criticato la decisione dell'amministrazione del presidente democratico Joe Biden.

L'esenzione "potrebbe risultare nell'uso di fondi dei contribuenti americani per premiare, legittimare e consentire gli stessi Talebani che hanno preso il potere con la forza e non hanno mostrato alcun interesse a rispettare le norme internazionali", ha detto il rappresentante Michael McCaul .  La crisi economica dell'Afghanistan si è accelerata dopo che i Talebani hanno preso il potere in agosto. Gli Stati Uniti e altri donatori hanno tagliato l'assistenza finanziaria, e più di 9 miliardi di dollari di beni in valuta forte dell'Afghanistan sono stati congelati.  Le Nazioni Unite dicono che quasi 23 milioni di persone - circa il 55% della popolazione - stanno affrontando livelli estremi di fame, con quasi 9 milioni a rischio di carestia con l'arrivo dell'inverno.

  "Continueremo a sostenere gli sforzi dei nostri partner per aumentare l'assistenza e fornire il soccorso necessario in questo momento di particolare bisogno", ha detto il segretario di stato americano Antony Blinken.  In un tentativo separato di affrontare la crisi, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che esenta i donatori, i gruppi di aiuto e le istituzioni finanziarie coinvolte nell'assistenza umanitaria dal congelamento dei beni delle Nazioni Unite sui leader dei Talebani e delle entità associate.  L'esenzione è "solo per la fornitura di assistenza umanitaria e altre attività che sostengono i bisogni umani di base in Afghanistan, che il consiglio rivedrà tra un anno", ha detto Jeffrey DeLaurentis, un consigliere senior della missione statunitense presso le Nazioni Unite, sollecitando l'approvazione della misura

"Lo scorso agosto - rileva Pina Picierno (europarlamentare Pd ) - l'Afghanistan aveva monopolizzato le prime pagine dei giornali e rappresentava il tema centrale del dibattito pubblico. L'argomento si è poi drammaticamente eclissato e oggi se ne parla sempre meno, preferendo spesso questioni marginali di casa nostra. Spegnere i riflettori sull'Afghanistan e sui crimini quotidiani commessi dai telabani è vergognoso e inaccettabile. Lo è per l'Italia, per l'Unione Europea e per tutta la comunità internazionale. Il silenzio e l'indifferenza si stanno consolidando come il miglior alleato per questi barbari che stanno seminando terrore e atroci violenze".

Oltre 20 milioni di persone, aggiunge " si trovano in condizioni di assoluta povertà e completa deprivazione. Medici Senza Frontiere ha denunciato una crescita dei casi di malnutrizione soprattutto tra i bambini, pari a circa il 40% in più rispetto all'anno scorso. L'economia è al collasso e i beni di prima necessità sono ogni giorno più introvabili, donne e bambini ricoverati sono sempre di più. Una tragedia umanitaria di dimensioni spaventose, che sembra interessare a pochissimi.Lancio un appello alla politica, ai media, alle istituzioni sovranazionali. Bisogna tornare a parlare di Afghanistan, rimettere con forza al centro il tema dei diritti umani, studiare soluzioni per incidere sui bisogni di milioni di persone che vengono affamate, torturate e perseguitate. Il tempo delle buone intenzioni è scaduto abbondantemente. Servono i fatti, altrimenti saremo tutti colpevoli.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?