Antonio Conte
Antonio Conte

Milano, 20 febbraio 2021 - Antonio Conte ha lasciato una finestra aperta. “Per domani ho ancora tre dubbi”, le parole in conferenza stampa alla vigilia di Milan-Inter. Pretattica, probabilmente, per non lasciare all'avversario punti di riferimento su come prepararsi. Le indicazioni vanno infatti verso una direzione ben precisa, la conferma dello stesso undici che ha battuto la Lazio domenica scorsa. Da due giorni Vidal è in gruppo ad allenarsi, mentre Sensi è a parte, unica restrizione alle possibili scelte dell'allenatore. Non ci sono ragioni per toccare il trio difensivo Skriniar-De Vrij-Bastoni e nemmeno la coppia d'attacco Lukaku-Martinez. Per quel che si è visto con i biancocelesti, anche cambiare qualcosa in mediana potrebbe avere effetti deleteri.

Obiettivo tre punti

“È un derby da vincere per ragioni di campanilismo e di classifica – dice ancora Conte – Sappiamo che l'avversario cercherà di sfruttare i nostri punti deboli come noi cercheremo di sfruttare i loro. Quello che dico sempre alla squadra è che vincere e fare punti deve darci entusiasmo e voglia di dare sempre di più per far sì che i nostri tifosi siano orgogliosi di noi, a prescindere da come andrà”. Nel finale di conferenza, all'allenatore è stato chiesto se avrebbe mandato Lukaku a Sanremo. "Prima bisogna cantare domani in campo", la risposta.

La fascia nera

I giocatori dell'Inter avranno la fascia nera al braccio a causa della morte di Mauro Bellugi, difensore dell'Inter negli anni '70 scomparso nella giornata di ieri.