Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
26 mag 2022

Raccolta di rifiuti e lavaggio con la candeggina I genitori puliscono il marciapiedi fuori dalla scuola

26 mag 2022
Una mamma in azione sul muro di via Casati
Una mamma in azione sul muro di via Casati
Una mamma in azione sul muro di via Casati
Una mamma in azione sul muro di via Casati
Una mamma in azione sul muro di via Casati
Una mamma in azione sul muro di via Casati

Flash mob per raccogliere i rifiuti e poi lavare con acqua e candeggina il marciapiedi lungo il perimetro della scuola elementare di via Felice Casati 6, zona Porta Venezia. Lo hanno organizzato nei giorni scorsi mamme e papà per portare decoro in uno dei quartieri che (in particolare nel weekend, ma non solo) diventa teatro di movida selvaggia. I genitori hanno eliminato cocci di bottiglia, involucri, plastiche, mozziconi di sigarette, lattine e altro, "molti dei quali – sottolinea in una nota Marco Cagnolati (Forza Italia), consigliere del Municipio 3 – annidati da anni nelle finestrelle e nelle sottostanti feritoie a livello strada. In solo un’ora di lavoro il tratto è stato pulito e profumato. Si sarebbe potuto fare di più con gli strumenti giusti e con personale specializzato". Auspica quindi "interventi mirati" predisposti dal Comune.

La zona è tra quelle più gettonate dal popolo della movida, vista l’alta concentrazione di locali. La situazione nelle vie Lecco, Panfilo Castaldi, Tadino, Lazzaro Palazzi, Vittorio Veneto, "insomma in tutta la zona del Lazzaretto continua a essere critica", sottolinea ancora il consigliere. Il comitato di quartiere chiede da tempo interventi a tutela del riposo e della sicurezza. Non solo: "La mattina le strade sono sporche, pieni di rifiuti, bottiglie, tracce di vomito ed escrementi. Insomma, la situazione dal punto di vista igienico sanitario non è accettabile".

Da qui, la scelta di alcuni genitori di “armarsi“ di secchi d’acqua e detergenti per pulire il tratto a ridosso della scuola. "Da una parte – conclude Cagnolati – ringrazio i residenti per l’attenzione encomiabile. Dall’altra, non trovo giusto che non siano garantiti servizi e che i cittadini debbano agire direttamente, esponendosi in prima persona e di tasca propria".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?