Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
18 lug 2022

Milano, materne e nidi: pesa la crisi degli educatori

Delibera-ponte della Regione per "tamponare" fino a dicembre. Appelli da sindacati e associazioni: "Il sistema così non regge"

18 lug 2022
simona ballatore
Cronaca
Servono più educatori negli asili paritari e comunali milanesi
Servono più educatori negli asili paritari e comunali milanesi
Servono più educatori negli asili paritari e comunali milanesi
Servono più educatori negli asili paritari e comunali milanesi

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano Milano - Mancano ancora educatori nei nidi e nelle scuole dell’infanzia lombarde paritarie. Duecento i trasferimenti in vista dai servizi comunali a quelli statali. E anche all’ultima selezione per il concorso dell’infanzia si sono presentati a Palazzo Marino solo una cinquantina di candidati per la prova scritta. Un concorso per il nido nel frattempo è stato revocato: era stato aperto ufficialmente per la copertura di sei posti, ma avrebbe creato una nuova graduatoria dalla quale attingere. "In quel caso c’era stata una selezione durissima tanto che ci siamo iscritte in più di 2.000 e siamo riuscite a superare la prova scritta in 277. Solo l’8 giugno abbiamo saputo dell’annullamento", si sfoga un’aspirante educatrice, chiedendo di “congelare” almeno la prova scritta. Il tema del reclutamento del personale resta all’ordine del giorno. C’è una delibera-ponte della Regione per far fronte alla carenza di educatori, almeno fino a dicembre: "Qualora le procedure di selezione non abbiano condotto all’individuazione di personale socio-educativo in possesso delle caratteristiche specificate, il soggetto gestore, entro il 31/12/2023, motivando adeguatamente la propria scelta, potrà completare il fabbisogno di personale educativo assumendo quale operatore socio-educativo anche chi è in possesso di diploma professionale/istruzione di grado superiore (almeno quadriennale) con comprovata esperienza di almeno tre anni in ambito socio-educativo ed esperienza specifica in area minori o disabili". "Dovrà essere garantita - si legge ancora nella Dgr regionale - la partecipazione a iniziative di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?