Quotidiano Nazionale logo
27 gen 2022

La ladra incinta e la senatrice derubata

Furto a Elena Cattaneo, presa scippatrice. Deve scontare 2 anni e 6 mesi, ma la gravidanza le garantisce il rinvio

nicola palma
Cronaca
La farmacologa, biologa, accademica, nominata senatrice a vita Elena Cattaneo, 59 anni, ieri al voto per il nuovo capo di Stato
La farmacologa, biologa, accademica, nominata senatrice a vita Elena Cattaneo, 59 anni, ieri al voto per il nuovo capo di Stato
La farmacologa, biologa, accademica, nominata senatrice a vita Elena Cattaneo, 59 anni, ieri al voto per il nuovo capo di Stato

di Nicola Palma È una delle borseggiatrici seriali che agisce abitualmente in Centrale, sia nell’area dello scalo ferroviario che in metropolitana. Ha diversi precedenti specifici e una condanna da scontare a 2 anni e 6 mesi di reclusione per reati contro il patrimonio. Una pena differita a data da destinarsi perché la trentaseienne di origine bosniaca è incinta, e di conseguenza può usufruire della sospensione dell’esecuzione garantita dall’articolo 146 del codice penale alle donne in gravidanza e alle mamme di bambini di età inferiore a un anno. Una norma che applica un elementare principio di umanità, ma che in casi come questi viene scientemente sfruttata per rimandare il più possibile l’ingresso in cella. Un meccanismo che si è ripetuto così tante volte negli anni scorsi da spingere la Procura, nel dicembre 2016, a diramare una circolare alle forze dell’ordine per snellire procedure di fatto inutili e rendere meno gravoso il lavoro di carabinieri, ghisa e poliziotti, azzerando l’andirivieni a San Vittore di persone scarcerate dopo poche ore perché in evidente stato interessante o "con certificato medico attestante la gravidanza emesso nei 15 giorni antecedenti l’ordine di esecuzione". È il caso della trentaseienne denunciata a piede libero dagli agenti dell’Upg della Questura e dai vigili di piazza Beccaria per il raid del 19 gennaio contro la senatrice a vita Elena Cattaneo, aggredita alle spalle in uno dei corridoi di collegamento tra le linee verde e gialla del metrò in Centrale e derubata del portafogli che teneva nel suo zaino. Sin dai primi minuti, gli specialisti della Polmetro si sono concentrati sulle immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza per arrivare all’identificazione della ladra in fuga; e l’analisi dei filmati ha fatto emergere la figura di una borseggiatrice già nota, peraltro con un abbigliamento identico a quello indossato da un’altra donna segnalata nei giorni ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?