Agenti sulla scena del crimine. Nel riquadro, il reo confesso
Agenti sulla scena del crimine. Nel riquadro, il reo confesso

Milano 21 marzo 2019 - «Non era mia intenzione ucciderla. Io l’amavo. Ho distrutto tutto in un attimo». Ha confessato e si è detto pentito. Un pentimento dichiarato ma tardivo quello di Carlo Pietro Artusi, 48 anni, fermato a Milano per omicidio dopo che Roberta Priore, la sua compagna di 53, è stata trovata morta, con tutta probabilità soffocata da un cuscino che l’uomo - per sua stessa ammissione - le ha premuto più volte sul volto. «L’ho fatto perché volevo impedirle di urlare», ha sostenuto. Dopo l’omicidio avrebbe cercato di togliersi la vita con il gas «ma non ho avuto il coraggio».

Artusi, originario di Pistoia, si definisce libero professionista. Non ha precedenti se non una denuncia per lesioni di 13 anni fa per una lite con un vicino, ha problemi di tossicodipendenza ed è a Milano dallo scorso autunno. Stava insieme a Roberta da circa tre mesi ma il rapporto era andato sempre più deteriorandosi. Il corpo di lei è stato trovato martedì attorno alle 16 in casa, in al quinto piano di via Piranesi 19 a Milano, dopo l’allarme lanciato dalla figlia che non riusciva a contattare la mamma da due giorni. Era sul pavimento del soggiorno, con ecchimosi sul volto e bruciature sul costato. Attorno, disordine e un principio d’incendio domato dai vigili del fuoco.

Il disordine è risultato la conseguenza di una furiosa lite tra i due. L’ennesima. Perché la polizia era già intervenuta in quella casa due volte: l’11 marzo e poi il 14, contattata dallo stesso Artusi in stato di agitazione. Perché è arrivato a uccidere Roberta? Forse per gelosia. La lite, stando alla sua versione, è cominciata durante una cena fuori avvenuta domenica o lunedì (l’uomo non è stato in grado di precisarlo. La morte della donna risalirebbe ad almeno 10 ore prima del ritrovamento), in un locale del quartiere Ortica. «Mi insultava e flirtava con un cliente al bancone», ha farneticato. Artusi è quindi rientrato a casa prima e lei lo aveva raggiunto dopo in taxi. L’uomo ha sottolineato di essere stato bersaglio di lanci di oggetti e che la donna avrebbe pure afferrato un coltello dalla cucina per poi dirigersi verso di lui.

Lui l’avrebbe bloccata e le avrebbe premuto più volte il cuscino sulla faccia «perché non urlasse». Stando sempre al suo racconto, aveva assunto cocaina. Dopo aver pensato al suicidio e scatenato un principio d’incendio, Artusi avrebbe gettando sulla 53enne dei fogli infuocati per poi uscire di casa. Al rientro ha trovato la polizia e i vigili del fuoco. Ha confessato alla presenza del suo avvocato. I familiari di Roberta Priore sono sotto choc, nessun commento né dal padre di lei e né dall’ex marito. Nel 2005 la donna aveva perso una figlia di 3 anni e mezzo, precipitata dal balcone.