ANDREA GIANNI
Cronaca

Bartolini e Geodis, oltre 100 milioni sequestrati dalla Finanza: ipotesi frode fiscale

Somministrazione illecita di manodopera nella logistica, oltre 100 finanzieri per le perquisizioni nelle province di Milano, Bologna, Firenze, Pavia e Treviso

Milano - La Guardia di finanza di Milano ha eseguito un sequestro preventivo per una somma complessiva di 102 milioni di euro a carico dei colossi della logistica Brt-Bartolini e Geodis Italia, e del loro partner Antonio Suma, nell'ambito di un'inchiesta coordinata dalla Dda di Milano. Le indagini, svolte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Gdf di Milano con la collaborazione dell'Agenzia delle Entrate, riguardano "il fenomeno della somministrazione illecita di manodopera".

Oltre 100 finanzieri stanno eseguendo, inoltre perquisizioni nei confronti delle persone fisiche e giuridiche coinvolte nelle province di Milano, Bologna, Firenze, Pavia e Treviso e stanno notificando le informazioni di garanzia in tema di responsabilità amministrativa degli enti in relazione agli illeciti penali commessi dai dirigenti delle multinazionali in Italia. "Le attività investigative - spiegano le Fiamme gialle - hanno svelato una complessa frode fiscale caratterizzata dall'utilizzo, da parte delle multinazionali, di fatture per operazioni inesistenti e dalla stipula di fittizi contratti di appalto per la somministrazione di manodopera". 

I rapporti di lavoro con le società committenti, secondo le accuse, sono stati “schermati” da “società filtro” che a loro volta si sono avvalse di diverse cooperative. Altri rapporti di lavoro sono stati intrattenuti direttamente con le coop che, facendo capo a un'unica regia, si sono avvicendate nel tempo, trasferendo la manodopera dall'una all'altra, "omettendo sistematicamente il versamento dell'Iva e, nella maggior parte dei casi, degli oneri di natura previdenziale e assistenziale". L'inchiesta è coordinata dal pm Paolo Storari, che ha già messo sotto la lente in altre indagini parallele il settore della logistica che ha conosciuto un boom negli anni della pandemia. 

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro