Dopo l’incendio in via Lulli: "Ora più sicurezza e pulizia"

L’assessore regionale Franco ha visitato i caseggiati Aler ai civici 28 e 30 "Dai cancelli alle telecamere: ecco gli interventi per tutelare gli inquilini".

Dopo l’incendio in via Lulli: "Ora più sicurezza e pulizia"
Dopo l’incendio in via Lulli: "Ora più sicurezza e pulizia"

Dopo il sopralluogo effettuato il 5 settembre, subito dopo l’incendio, Paolo Franco, assessore regionale alla Casa, è tornato ieri a visitare i palazzi popolari di via Lulli, in particolare i civici 28 e 30. Qui Aler ha avviato un progetto di potenziamento della sicurezza. L’investimento ammonta a quasi 1 milione di euro. "Con la mia prima visita – spiega Franco – ho constatato che i civici dal 28 al 30 dovevano essere maggiormente tutelati. Ecco perché, oltre agli interventi di ripristino delle parti danneggiate dall’incendio, ho interessato Aler, che ha predisposto una progettazione specifica. Oggi (ieri ndr) siamo venuti a verificare dove saranno realizzati gli interventi che consentiranno di evitare che questi edifici siano “visitati“ da sconosciuti. Ci siamo dati anche dei tempi, stimati in 3 mesi, affinché i condomini possano trovare una maggiore qualità dell’abitare".

"Non solo sgomberi – continua l’assessore –, anche qui è stato dato un giro di vite per garantire una maggiore attenzione e cura del patrimonio. Oltre al sistema di videosorveglianza già installato con una spesa di 20mila euro per 14 telecamere, tre delle 5 guardiole esistenti devono essere coperte da personale di custodia. L’accessibilità è gestita anche attraverso la revisione degli ascensori, con la quale non è più possibile raggiungere il piano interrato. In questo modo le cantine saranno inaccessibili a chi si vuole introdurre di notte". Durante il sopralluogo alcuni inquilini hanno segnalato la presenza di abusivi. "La presenza fisica nei quartieri Aler – spiega l’assessore – permette di avere un reale contatto con i problemi degli inquilini, per questo continuerò a visitare i caseggiati di persona. Inoltre, dopo un’attenta verifica della situazione delle cantine e dei solai – conclude Franco – è stato inibito l’accesso laddove non vi era un corretto utilizzo. Per rendere ancora più sicuri questi immobili, all’esterno saranno posizionate cancellature metalliche. Questo impedirà a gente esterna di entrare nel cortile, lasciare la spazzatura e abbandonare scooter e altri oggetti ingombranti". Per gli interventi a solai, cantine e cancellature si investiranno 150mila euro. Altri 56mila euro copriranno i costi per la sorveglianza. Per la pulizia e il riordino di solai e cantine l’impegno ammonta a 350mila euro. Per la riqualificazione di 30 alloggi sono stati stanziati 255.000 euro.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro