La carrozza che ha percorso  le vie di Milano dall’ospedale Sacco a largo Cairoli fino all’ospedale Buzzi
La carrozza che ha percorso le vie di Milano dall’ospedale Sacco a largo Cairoli fino all’ospedale Buzzi

Milano, 22 giugno 2017 - Mattinada de sang quella passada in occasion de la giornada mondial di donazion e quindi di donator. El sang el me ciama a la memoria i me canzon: vampir twist e vampira tango, ma de pu ancamò la storia dei Brivio, ona odissea del 1300 che in di spettacol la cuntavi prima de la fin e intimorivi el pubblic per fagh paura. La paura la te vegn quand te set no quel che l’è adrè a succed, quand te se troeuvet in on post che te conosset no, quand te riva addos el scur e ti te set in d’on bosc lontan dalla macchina, in cantina cont la candila per illuminà e te vedet passà i ratt come se fudessen formigh, quand te set in d’on tunnel e te vedet minga la fin, dopo on sogn de paura, insomma la paura l’è paura. Quand s’eri piccol gh’era la guerra, sfollà in Friul, dovevi levamm dal lett all’improvvis perché o l’era el Pippo ch’el mitragliava o eren aerei in procinto de sgancià i bomb. Num, mi, mia nonna, me mari (mader, in furlan), ona quaj zia, via per i camp, a cercà rifugi costruì sotta ona pila del fassin, magari de drè de on cimiteri, ona tomba già pronta. Dopo el ’45, tornàa a Milan, sont andà avanti per on quaj ann a svegliamm all’improvvis de nott tremand come se gh’avessi frecc, cont el sang ch’el bolliva. Ve la contaroo la mia vampire Story. Adess no. Devi dà la preferenza a la cronaca.

Quand te parlet de donazion del sang te devet semper fa riferiment a Renato dal Compare, prima president di donator dell’Istitut di tumor de via Veneziani, e adess President dell’associazion donatori del sang dell’ospedal Sacco, che el s’è riunì cont el Fatebenefratelli, Macedonio Melloni, Vittore Buzzi. Quatter ospedal cont ona necessità de sang per i trasfusion praticament continua. El Renato l’è propri on baloss pien de inventiva. L’ann passàa l’ha noleggià on tram ch’el girava per Milan con sora artist, cantant, personagg politic, dottor, primari, secondari, terziari. Questa volta l’è stà el turno de do’ carross e quatter cavaj: voeuna cont on grand cartellon bifrontal (se dovaria dì “banner”), l’altra cont on carrett (el brumista el diseva pomposamente carrozza) elegant ch’el portava 10 personn. E via per Milan dal Sacco a Largo Cairoli e da lì all’ospedal Buzzi doe gh’eren tanti fioeu ad aspettà per faa on girett, per vedè i cavaj, fas riprend dal Guido Veronesi in on filmaa doe gh’eren autorità ospedaliere e quatter maghi pronti a girà per i repart cont i prestidigitazion. E inscì sotta la gran scritta “dona sangue” “dona presto” “dona spesso” l’è passada ona mattinada e quatter or del podisnà.

Gh'era on'aria de festa, cont el direttor dei 4 ospedal dr.Alessandro Visconti, l’assessor de la Region al Welfare avv. Giulio Gallera, che l’ha sintetizzà el sistema ospedalier milanes e lombard dotà de 70 ospedal. E mentre mi vosavi a la gent che se fermava curiosa per vedè i do carross “correte al più vicino ospedale e date il vostro sangue. Il piccolo salasso farà bene agli ammalati ma anche a voi”, Elisabetta Viviani. Grazia Maria Raimondi, Tiziana Chiusa, i doc Giorgio Marmiroli, Lucio Bertario e el direttor sanitari del Buzzi dr.Tommaso Saporito, distribuiven ballonitt a tucc i fioeu che se incontrava e ai piccol degent dell’ospedal de via Castelvetro, in doe gh’è in aria la realizzazion d’on un centro - raccolta -sangue .

A proposit de sang che ciama in ment i vampir, la storia ve la cunti adess. Nel castel de Brivio, on paes dopo Meràa, in provincia de Lecc, el baron Oldrado intanta che el combatteva visin a Lod battaj se sa no perché, come adess, basta combatt, el ven a savè che la mièe Ermellina se la faseva cont on menestrell pien de musica e de poesia. El se precipita a cavall fina al Castell, el troeva la miè in combutta e prima el ciappa l’amant e con sett pugnalad le mett orizzontal in on’isoletta al centro dell’ansa formada dall’Adda (l’è per quell che le ciamaven lac de Brivio), poeu el va a ciappà la miè la porta in barchetta a vidè el so innamoràa. Ermellina come le ved la se butta piangend sul corp. Oldrado cont rabbia ghe salta addoss e cont alter sett pugnalàa la fa foeura. De seguit el sbatt i du corp in acqua precisament come la predizion dell’indovina de Pontida: “attenta con sto’ intrigh, la finirà mal in fond all’Adda, pugnalada sett volt ti e sett volt lu”. L’ha minga tirà a man el color verd. Chissà cossa la disaress incoeu. Da quel dì se sa nient de Oldrado. Tresent ann dopo l’han trovà cont la soa armadura nell’intercapedine tra el pianterren e el primm pian del castell. In quei tresent ann gh’è stà odor de vampir in tutta la zona. Altro che Dracula. Oldrado! Per recordà culinariament el fatto hoo creàa come ultim dei vampir on piatt. Ecco la ricetta: Tartufi neri/barbabietole rosse all’aceto, patate bollite, filetti d’acciuga a pezzetti, dadolini di groviera, dadolini di sangue (vitello) rappreso fatti rinvenire alla cipolla. Per il condimento: un po’ di aceto delle barbabietole, un po’ di succo di limone, pepe di Caienna, olio di sesamo o di arachidi, un cucchiaio di mostarda e uno spruzzo di salsa inglese che intorbidisca ancor di più le tinte.Tagliare tutto a dadolini, far rinvenire quelli di sangue in olio e cipolla, e mescolare il tutto con il condimento suddetto. Va servito freddo. Ottimo come antipasto, che può dare immediatamente il tono particolare di un certo tipo di banchetto macabro, ma gradevole.

brivio.roberto@yahoo.it