Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
19 apr 2022

Dall’Anfiteatro "chiuso" alle Colonne

19 apr 2022
maurizio
Cronaca

Maurizio

Cucchi

Molti elementi di vario interesse mi si offrono in un breve percorso. Eccomi all’ingresso del Parco dell’Anfiteatro Romano, in via De Amicis. Entro e ho la fortuna di imbattermi in una gita scolastica, con una serie di ragazzini, alcuni seduti e altri in garbato movimento, nei bei cortili che perlustro prima di trovarmi di fronte la scritta: "L’anfiteatro è chiuso". E lo è del resto anche l’Antiquarium "Alda Levi", lì annesso. Resto aggirandomi tra il verde e le mura interne del luogo, passando poi davanti all’ingresso del Centro Artistico "Alik Cavaliere", a sua volta chiuso, data l’ora tardiva del mio arrivo. Esco e sul lato opposto della strada spicca, davanti a una ancora affabilissima casa di ringhiera, la vistosa esposizione "Wall of Dolls", che presenta una impressionante, commovente serie di foto di donne con la scritta "Il femminicidio è un crimine contro l’umanità". Non è la prima volta che passo, ma sempre la straordinaria presenza di quei volti e di quelle statuine appese al muro, innumerevoli e varie, mi appare importante per il carattere insieme epico e semplice del suo umanissimo valore testimoniale e di denuncia. Non mi fermo e passo per un caffè al Bar Portnoy, dove un tempo avvenivamo incontri letterari di alto livello, e mi ricordo di una volta in cui era intervenuto Franco Fortini. Passo poi oltre e pervengo in zona San Lorenzo, dove, per prima cosa, vado a osservare dietro le grate il campetto di calcio dell’oratorio, dove sogno a occhi aperti di andare un giorno io stesso a cimentarmi. Sono alle celebri e spesso troppo affollate (non in quest’ora del mio passaggio, per fortuna...) Colonne. Spongo poco più oltre lo sguardo e osservo belle pitture murali, raffiguranti volti storici in ampie dimensioni, purtroppo sconciate dall’incongruo intervento dei soliti infelici scarabocchiatori urbani. Me ne dispiaccio e mi metto tranquillamente in salvo al respiro del Carrobbio...

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?