Covid, vaccinazioni a Milano
Covid, vaccinazioni a Milano

Milano, 20 febbraio 2021 - Sono stati 3.823 gli ultraottantenni che hanno avuto l’iniezione anti Covid giovedì, nel giorno del debutto della vaccinazione per loro in Lombardia. L’assessore al Welfare Letizia Moratti lo considera un buon risultato, "sopra le aspettative considerato che gli appuntamenti sono stati comunicati un giorno prima, tramite sms e telefonata. La macchina organizzativa, a parte qualche piccolo inconveniente fisiologico, ha dimostrato efficienza", aggiunge la vicepresidente della Regione complimentandosi per "il grande lavoro del commissario Guido Bertolaso, un autentico cambio di marcia". Bertolaso, ieri, insieme al governatore Attilio Fontana ha assistito alla prima vaccinazione domiciliare di un ultraottantenne a Cologno Monzese, delle 12 effettuate ieri su 500 in programma nell’area dell’Asst Nord Milano, che nei due centri vaccinali intanto somministrava altri 311 vaccini agli “over”.
Ieri sera alle 20 erano complessivamente 454.081 gli ultraottantenni lombardi che avevano chiesto il vaccino, il 62,5% dei 726mila destinatari. Alle 16 le adesioni superavano le 160mila nell’Ats Metropolitana, le 60mila in quella dell’Insubria; oltre 50mila in Brianza, quase altrettante nell’Ats di Brescia, Bergamo viaggiava sulle 40mila, la Val Padana sulle 30mila, Pavia superava le 15mila e la Montagna le diecimila. Il 69,5% dei senior ha aderito via portale in autonomia; più di un quarto (il 27,3% ) è passato dalla farmacia e il 3,2% dal medico di base.

Le Ats che hanno raccolto più candidature sono quelle in cui si usa di più il portale: nell’Insubria l’ha scelto un aderente su quattro (il 75,6%, il 22,8% si è affidato al farmacista e l’1,6% al dottore), in Brianza quasi quattro su cinque (il 78%, a fronte del 21,1% in farmacia e solo lo 0,8% dal medico di famiglia), nella Metropolitana il 71,7% e si registra il più alto ricorso in regione al medico di base (4,9%). Il farmacista “spopola“ rispetto alla media, invece, nelle Ats di Pavia (31,3% di adesioni), Bergamo (36,9%), Montagna (36,8%) e Val Padana, dove il 40,3% è passato in farmacia, il 4,1% dal medico di base e “solo” il 55,6% dalla piattaforma.

Giovedì in Lombardia sono stati somministrati complessivamente 12.511 vaccini, aggiungendo agli ultraottantenni della fase 1-ter altre 8.843 dosi iniettate a persone coinvolte nelle fasi 1, 1-bis e dei servizi essenziali destinatari di AstraZeneca. Lunedì, al Portello, inizieranno le vaccinazioni per gli agenti della Polizia locale, cominciando da quelli di Milano.