Scuole più sicure. Una “corazza“ all’edificio liberty della primaria

Maleo, l’intervento anti-sismico già realizzato sulla secondaria sarà portato a termine alla “Giovanni Paolo II“ di viale Italia.

La corazza anti-terremoto delle scuole di Maleo cresce. Dopo le opere anti sismiche a Villa Trecchi, sede della secondaria di primo grado, lo stesso intervento partirà alla primaria Giovanni Paolo II di viale Italia. Il cantiere durerà un anno, ma non interferirà con lo svolgimento delle lezioni. L’obiettivo è alzare lo standard di sicurezza dell’edificio.

L’intervento sarà finanziato con un milione dei fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

"L’edificio si caratterizza per uno stile liberty, su due livelli principali e uno parzialmente interrato. I lavori per la costruzione furono affidati nel 1927 alla ditta Fratelli Tansini, nel 1928 erano già terminati e l’edificio pronto per essere utilizzato – ricorda il presidente del consiglio comunale Francesco Bergamaschi –. Al suo interno trovano ospitalità, serviti da due ingressi separati, la primaria e la scuola dell’infanzia. L’impianto tipologico è costituito da una distribuzione centrale e da due corpi scala laterali che servono, oltre ai due livelli, nei quali si sviluppano le attività didattiche, anche il livello seminterrato e il piano di sottotetto. Il fabbricato è realizzato in muratura con una struttura in conglomerato cementizio nel livello inferiore. I solai sono in ferro e laterizio mentre la copertura è costituita da una struttura lignea con manto in tegole marsigliesi".

Presto l’edificio sarà reso più sicuro. L’intervento prevede il consolidamento delle murature del piano interrato, delle rampe di scale con sottostruttura in acciai e della copertura con collegamento degli elementi principali alla struttura muraria; la realizzazione di una trincea drenante perimetrale, di una cerchiatura perimetrale in acciaio, cui ancorare i travetti lignei, e di un doppio assito ligneo incrociato; l’inserimento di catene metalliche ai piani; il rifacimento del marciapiede e della zoccolatura nei prospetti esterni.

Altri 560mila euro, di cui l’80 per cento coperto da fondi del Pnrr, faranno nascere un nuovo refettorio per la scuola primaria di viale Italia. Sarà una struttura da 128 posti, staccata dalla scuola, ma raggiungibile tramite una pensilina protetta. Gli alunni avranno accesso ai servizi igienici, anche dall’esterno.