Quotidiano Nazionale logo
19 apr 2022

È il tallone d’Achille delle Olimpiadi Chiude di notte la galleria della 36

Si lavora nella Monte Piazzo, stanziati altri 25 milioni per evitare che il tunnel della superstrada scivoli a valle

daniele de salvo
Cronaca

di Daniele De Salvo

È il tallone d’Achille delle Olimpiadi invernali di Milano e Cortina 2026. Se dovesse essere chiusa, come successo in passato, sarebbe come chiudere la principale porta di accesso ai Giochi invernali e per atleti, tecnici e spettatori raggiungere in tempo in cancelletti di partenza delle gare a cinque cerchi in calendario a Livigno e Bormio sarebbe una missione impossibile. Sarebbe un disastro pure per le migliaia di automobilisti, camionisti e motociclisti che quotidianamente la attraversando per lavorare e per i turisti del lago di Como. È la galleria Monte Piazzo della Statale 36, lunga 2.552 metri tra l’imbocco di Dorio a sud e quello di Piona a nord e viceversa. Il tunnel è costituito da due canne con un raggio di 5 metri ciascuna, all’interno delle quali passa una strada a due corsie larga 8 metri più un marciapiedi di servizio di altri 90 centimetri. Già nel 2018 i tecnici di Anas avevano rivelato che la galleria "è inserita in un quadro idrogeologico complesso, oggetto di attenzione e costante osservazione".

La montagna che attraversa sta infatti lentamente ma inesorabilmente scivolando. Per evitare misure drastiche, come quelle adottate tra il 2013 e il 2014, sono stati stanziati 25 milioni di euro, che si sommano ai 41 investiti dieci anni fa, perché la messa in sicurezza della Monte Piazzo è una delle sette opere strategiche per le Olimpiadi invernali del 2026, come altre infrastutture e altri tratti della 36, la strada più trafficata del nord Italia, su cui a marzo nei giorni di massima punta sono transitati fino a 81mila veicoli al giorno. Proprio per poter mettere a punto i progetti dell’intervento il tunnel da questa sera chiude. "Abbiamo programmato delle limitazioni alla circolazione lungo la Statale 36 del Lago di Como e dello Spluga per eseguire le attività di indagine e monitoraggio delle strutture della galleria Monte Piazzo in provincia di Lecco – spiegano da Anas -. Per mitigare i disagi del traffico, gli interventi verranno svolti esclusivamente in orario notturop. Per garantire lo svolgimento de lavori in sicurezza verrà predisposta la chiusura della statale tra gli svincoli di Bellano e il Trivio di Fuentes". In direzione nord verso Sondrio il traforo chiude prima da quest’oggi a venerdì e poi dal 2 al 6 maggio, dalle 22 alle 5. In direzione sud verso Lecco e Milano la serrata invece scatta dal 26 al 28 aprile e dall’8 al 12 maggio, sempre dalla sera 22 alle 5 di mattina del giorno seguente. L’alternativa è la Sp 72 tra Bellano e Colico e viceversa a seconda del senso di marcia.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?