Milano, 6 maggio 2021 - La Valle d'Aosta abbandona il rosso scuro e raggiunge in rosso chiaro il resto d'Italia che si conferma stabile nella mappa Ue dei contagi, aggiornata ogni settimana dal Centro europeo prevenzione e controllo malattie sulla base dei dati delle ultime due settimane, in particolar modo il numero di nuovi positivi ogni 100mila abitanti. Un segnale positivo, dunque, e in parte atteso alla luce degli ultimi rilevamenti nazionali e della discesa di Rt e incidenza. Buone notizie soprattutto per la Valle d'Aosta, unica regione italiana in fascia rossa, in vista della cabina di regia di domani fra ministero e Iss che potrebbe determinare nuovi colori: in arancione ci sono Sardegna, Sicilia, Puglia, Basilicata e Calabria, il resto del Paese è giallo. 

La situazione è in via di miglioramento in tutta Europa, con la Svezia unica nazione ancora rosso scuro per intero insieme alla Croazia e alla zona di confine tra Belgio e Olanda. Si attenua la morsa sulla Francia che settimana scorsa presentava diverse zone in fascia critica. Bene la Spagna che vede colorarsi di arancione, fascia di rischio ancora minore, vari territori al pari di Portogallo, Danimarca, Irlanda, Islanda Norvegia e Finlandia. Queste ultime due sono le uniche con regioni verdi, con rischio minimo.