Quotidiano Nazionale logo
11 mag 2022

Artigiani, la carica degli irregolari "Abusivi oltre ogni immaginazione"

L’allarme dell’Osservatorio Mpi sugli operatori che popolano il sommerso danneggiando tutto il sistema. Il presidente Massetti: "Sottraggono reddito ai piccoli imprenditori e minacciano la salute dei consumatori"

federica pacella
Cronaca

di Federica Pacella

Servizi forniti col passaparola, professionisti improvvisati e senza la partita Iva che erogano prestazioni senza alcune idoneità certificata, muratori e giardinieri “a tempo perso“, parrucchiere ed estetiste che operano nei salotti di casa.

La Lombardia ha il record di unità indipendenti non regolari in Italia: secondo l’Osservatorio Mpi di Confartigianato Lombardia sono 130.800, pari all’11,3% dei soggetti che svolgono attività indipendente.

Dopo la Lombardia, c’è la Campania con 121.200 e Lazio con 111.500; tra le prime dieci province italiane per numero di unità di lavoro indipendenti non regolari troviamo, dopo Roma e Napoli, in terza posizione Milano con 47.400. Tra le province lombarde, dopo il capoluogo meneghino c’è Brescia con 16,7 mila irregolari e Bergamo con 13,6 mila. Si tratta di operatori abusivi che popolano il sommerso, mettendo sotto pressione per concorrenza sleale dell’abusivismo imprese e artigiani.

"Ciò che emerge è persino peggio di quanto immaginato – commenta il presidente di Confartigianato Brescia e Lombardia Eugenio Massetti –. Tolleranza zero per un fenomeno che sottrae lavoro e reddito ai piccoli imprenditori e risorse finanziarie allo Stato, oltre a minacciare la sicurezza e la salute dei consumatori".

Prendendo a riferimento i quattordici mestieri maggiormente sotto pressione per la concorrenza sleale ed includendo sia i servizi di riparazione di beni per uso personale e per la casa sia i restanti mestieri operanti nella manutenzione e riparazione di autoveicoli (in particolare carrozzieri ed elettrauto), si delinea a fine 2021 un totale di 125.968 imprese attive con alta vocazione artigiana: le imprese artigiane perimetrate sono 108.614 e rappresentano l’86,2% del totale, quota circa 3 volte il 29% osservato per il totale economia.

L’artigianato è particolarmente esposto in quanto, in tali mestieri, si concentrano il 45,3% delle imprese del comparto, quota circa 3 volte il 15,5% rilevato per il totale imprese.

In particolare, la vocazione artigiana è particolarmente elevata e supera la media già alta per pittore edile (95,6%), tassista (95,2%) e muratore (89,2%).

A livello provinciale l’artigianato è più esposto a Milano (50,2%), Lodi (50%) e Varese (47%), mentre rappresenta quote più elevate del totale imprese nei mestieri più esposti al fenomeno dell’abusivismo a Lecco (92,2%), Mantova (91,8%) e Sondrio (90,2%). A farne le spese sono le imprese regolari, messe sotto pressione dalla concorrenza sleale.

"La situazione è molto seria – conclude Massetti – oggi più di ieri: i meccanismi dellla concorrenza sleale del sommerso mettono fuori mercato i competitor regolari, rendono più difficile condurre politiche fiscali espansive e di riduzione fiscale, aumentando altresì la pressione fiscale sui contribuenti onesti".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?