Quotidiano Nazionale logo
20 feb 2022

Agenti esasperati: "Si lavora senza sicurezza"

Il presidio davanti alla casa circondariale Nerio Fischione, organizzato dai sindacati dopo i disordini nel giorno di San Valentino

federica pacella
Cronaca
La manifestazione indetta da Sappe, Osapp, Uspp, Cgil, Cisl, Uil e Cnpp in rappresentanza della polizia penitenziaria
La manifestazione indetta da Sappe, Osapp, Uspp, Cgil, Cisl, Uil e Cnpp in rappresentanza della polizia penitenziaria
La manifestazione indetta da Sappe, Osapp, Uspp, Cgil, Cisl, Uil e Cnpp in rappresentanza della polizia penitenziaria

di Federica Pacella Strutture adeguate per i detenuti con problemi psichiatrici, più sicurezza e più attenzione per la polizia penitenziaria. Sono alcune delle richieste emerse dal presidio che si è tenuto ieri mattina davanti alla casa circondariale Nerio Fischione, organizzato dai sindacati Sappe, Osapp, Uspp, Cgil, Cisl, Uil e Cnpp, che insieme rappresentano oltre il 90% della polizia penitenziaria. La scelta del Nerio Fischione non è stata casuale: qui, il giorno di San Valentino, si sono registrati disordini tra i detenuti, con incendi di materassi. "Nei giorni scorsi una decina di detenuti è stata trasferita, grazie alla pressione della direzione e sindacale – ha ricordato Calogero Lo Presti, coordinatore regionale Fp Cgil Lombardia Polizia penitenziaria – e probabilmente ci saranno anche altri trasferimenti. I detenuti psichiatrici non possono stare in carcere, servono strutture adeguate, perché sono persone che creano disordini e devono essere curate. C’è la questione del sovraffollamento, con presenze al 200% della capienza regolamentare, ma anche la sicurezza per la polizia penitenziaria, che spesso deve intervenire a mani nude per preservare l’incolumità". A Brescia la questione del nuovo carcere è sempre in agenda, ma non è mai stata risolta. "Erano stati previsti 50 milioni nel bilancio dello Stato – sottolinea Lo Presti – chiediamo che sia adeguata la struttura o che vengano stanziati per una nuova". Più rapido dovrebbe essere l’intervento sui detenuti con problemi psichiatrici, che dopo la chiusura degli Opg (ospedali psichiatrici giudiziari) sono destinati alle Rems (residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza, solo una per ora è presente in Lombardia). "Le persone con problemi psichiatrici rappresentano il 10% della popolazione detenuta, ma in Lombardia innescano il 70% degli eventi critici auto o etero aggressivi e di violenza verso il personale – commenta Gian Luigi Madonia, segretario regionale Uspp Lombardia –: basterebbe che la politica, il governo e il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?