Quotidiano Nazionale logo
26 gen 2022

Verità, giustizia, sicurezza Parole d’ordine del ricordo

Caravaggio e Capralba commemorano la strage ferroviaria di Pioltello. Sindaci e familiari depongono fiori e chiedono che sia fatta piena luce

francesco donadoni
Cronaca
A Caravaggio le. pietre d’inciampo dedicate a Ida Milanesi e Pierangela Tadini
A Caravaggio le. pietre d’inciampo dedicate a Ida Milanesi e Pierangela Tadini
A Caravaggio le. pietre d’inciampo dedicate a Ida Milanesi e Pierangela Tadini

di Francesco Donadoni Fa freddo. Un freddo che penetra nelle ossa. Sono le 6, stazione di Capralba. Iniziano qui le celebrazioni, con la deposizione di un fiore. Una delle tre vittime, Giuseppina Pirri, viveva in questo paese bassaiolo della provincia di Cremona. Piu tardi i sindaci si dirigono a Caravaggio, sullo stesso convoglio che quattro anni fa deragliò a Pioltello. Anche qui in stazione, dove ci sono due pietre d’inciampo dedicate alle vittime della città, Ida Milanesi e Pierangela Tadini, il sindaco Claudio Bolandrini insieme al collega di Capralba Damiano Cattaneo, depone rose bianche. Pochi i presenti per via del Covid. Per le famiglie delle vittime c’erano Marco e Valentina Tagliaferri, marito e figlia di Ida Milanesi, e per Pierangela la mamma, il papà e la sorella Mara. "Continueremo a chiedere verità, giustizia e sicurezza per chi viaggia in treno", è il messaggio lanciato dai sindaci della tratta Cremona-Treviglio nel quarto anniversario dell’incidente ferroviario di Pioltello del 25 gennaio 2018, quando il regionale Cremona-Milano carico di pendolari, poco prima delle 7, deragliò provocando la morte delle tre donne e il ferimento grave di un centinaio di pendolari. Dopo il ricordo alla stazione di Caravaggio, alle 8.30 si è tenuta una messa di suffragio celebrata dal parroco Giansante Fusa Imperatore, cui ha partecipato anche la famiglia di Pierangela Tadini. Alla messa erano presenti oltre al sindaco Bolandrini, la collega di Brignano, Beatrice Bolandrini, sorella di Claudio; Damiano Cattaneo; Stefania Bonaldi, primo cittadino di Crema; Pietro Fiori, sindaco di Castelleone; Diego Vairani, sindaco di Soresina. Alle 9.15 i sindaci e i familiari si sono ritrovati davanti al cippo alla memoria delle tre vittime in largo Cavenaghi. Qui Valentina Tagliaferri ha deposto dei fiori. "Siamo qui a ricordare quelli che viaggiavano su quel treno che sono rimasti feriti nell’anima oltre che nel corpo e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?