Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
11 feb 2022

Atalanta, Zapata non si opera: segue una terapia conservativa per tornare a maggio

Lungo stop per l'attaccante colombiano. Ipotesi Diego Costa 

11 feb 2022
fabrizio carcano
Sport
Duvan Zapata
Duvan Zapata
Duvan Zapata
Duvan Zapata

Bergamo, 11 febbraio 2022 - Niente bisturi per Duvan Zapata. Il centravanti colombiano, 31 anni il prossimo primo aprile, in settimana ha fatto un tour dalla Lapponia all’Andalusia per farsi visitare da due diversi luminari. E dopo il consulto a Turku in Finlandia dal mago dei tendini, il professor Sakari Orava, seguito da una visita a Siviglia, dal professor Carlos Pedrosa, che aveva già seguito il giocatore in un precedente analogo infortunio alla gamba destra (stavolta è la sinistra) nel 2019, ha scelto di evitare l’intervento chirurgico, che avrebbe comportato tempi di riabilitazione più lunghi, e scegliere la cosiddetta terapia conservativa.
Ovvero una terapia fisioterapica soft per allungare i tessuti e favorire un graduale e progressivo riaccostamento del tendine dell’adduttore sinistro. Un percorso comunque non breve, oscillante intorno alle 10-11 settimane. Se non ci fossero intoppi Zapata potrebbe tornare ad allenarsi intorno alla terza settimana di aprile e sperare in un rientro in campo almeno per le ultime tre settimane agonistiche, giocando la volata conclusiva del campionato e magari la finale di Europa League a Siviglia se la Dea dovesse arrivarci.
È una strategia mirata anche a non deprezzare il suo valore di mercato: con l’intervento e la chiusura anticipata della stagione il suo valore sarebbe crollato, così invece, se rientrasse e segnasse qualche gol, sarebbe ancora un giocatore da 25/30 milioni di quotazione. Intanto la dirigenza nerazzurra sta monitorando il mercato degli svincolati che ovviamente offre pochissimo.
Resta in piedi l’ipotesi Diego Costa, con molti pro e contro.Il 33enne brasiliano naturalizzato spagnolo ha esperienza e talento, ma avrebbe bisogno di un mesetto per tirarsi a lucido e integrarsi in un nuovo campionato.
Non solo, essendo straniero non potrebbe giocare l’Europa League e per essere tesserato in campionato andrebbe messo fuori lista uno tra Zapata e Ilicic.
Senza considerare i costi di ingaggio di un calciatore che ha sempre guadagnato il doppio rispetto allo stesso Zapata…


 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?