Varese, 24 novembre 2016 - Che il termine dei lavori per l’Arcisate-Stabio fosse fissato a fine 2017 era cosa nota. Per il varo della ferrovia internazionale ora però ci sarebbe anche una data da segnare sul calendario: il 17 dicembre 2017. Sarà in quel giorno che la linea verrà inaugurata, anche se nessuna comunicazione ufficiale è ancora stata notificata ai sindaci italiani coinvolti.

Così hanno riportato i media svizzeri citando quale fonte il ministro italiano alle Infrastrutture e ai Trasporti, Graziano Delrio. Con il completamento e il varo della tratta si potrà, infine, chiudere l’ideale triangolo ferroviario transfrontaliero che unisce Mendrisio a Varese e Como, collegando anche Lugano e avvicinando l’aeroporto di Malpensa, senza più dover passare da Milano. Si compirà quella che rappresenta una rivoluzione nei trasporti delle province di Varese e Como ma anche in Canton Ticino. Province, queste ultime, dalle quali si muovono quotidianamente quasi 60mila frontalieri, mettendo a dura prova la viabilità.

E il 17 dicembre del prossimo anno potrebbero essere due i tagli dei nastri simbolici in programma. Ovvero quello sulla linea Varese-Mendrisio (17,7 chilometri), che comprende la Arcisate-Stabio (3,6 chilometri), e quello che segna il ripristino della Varese-Porto Ceresio (14 chilometri), sospesa da anni per consentire i lavori lungo la direttrice segnati da una serie di "stop and go". Oggi sia sull’una sia sull’altra linea proseguono i lavori, nel rispetto dei tempi previsti. E sarebbe in lavorazione anche una bozza di orario, elaborata da Rete ferroviaria italiana, il braccio operativo di Trenitalia, in accordo con le Ferrovie federali svizzere. Nei piani ci sarebbe una corsa all’andata e l’altra al ritorno nell’arco di un’ora lungo la linea Varese-Mendrisio-Como e la Varese-Mendrisio-Lugano; identica cadenza sulla Varese-Porto Ceresio.

Nessuna comunicazione ai sindaci, per ora, anche se la speranza di tutti è che le voci possano trovare conferma. "Durante un incontro con il ministro Delrio sull’Arcisate Stabio - precisa il primo cittadino di Induno Olona, Marco Cavallin - venne meramente ipotizzata la possibilità di fissare l’inaugurazione la terza domenica di dicembre 2017". Che in effetti è il 17. "Non c’è alcuna ufficialità però - spiega Cavallin -, ad oggi una data non ci è stata comunicata dal Ministero. Un dato ufficiale, invece, è relativo al termine dei lavori. Se la 'road map' verrà rispettata i cantieri saranno completati entro l’estate 2017. A oggi, visto che controllo i lavori ossessivamente dati i disagi che questi creano al nostro comune e a noi cittadini, posso affermare che la tempistica è seguita con estrema puntualità. Sono quindi molto ottimista. Continuando così il termine dei lavori sarà certamente rispettato".