Paderno Dugnano (Milano), 12 agosto 2017 - "Troppi immigrati appostati, che tampinano chiunque entri nel parcheggio". È la situazione che tantissimi padernesi riferiscono a proposito dei posteggi dell’ospedale San Carlo. Divenuti ormai oggetto di polemiche e contestazioni. Si parla degli ambulanti abusivi, di origine straniera, che approfittano del grande passaggio per guadagnarsi una mancia, vendendo prodotti o indicando un posto libero. Ultimamente però un’eccessiva insistenza sta causando la frustrazione di tanti utenti del parcheggio. Che chiedono a gran voce più controlli. La polizia locale è infatti scesa in campo per presidiare la zona, monitorare e anche per raccogliere le segnalazioni dei cittadini. «Stiamo intensificando i controlli, prevedendo la presenza del personale in orario diurno – spiegano dal comando – Siamo sul posto con un ufficio mobile, in modo da riuscire a dialogare con i cittadini».

Le richieste di intervento arrivano a decine. «È insostenibile, chi viene alla clinica non lo fa certo per motivi di piacere – racconta una donna – In più, bisogna fare i conti con le mance da lasciare agli extracomunitari. E se ci si rifiuta, la gentilezza iniziale si trasforma quasi in rabbia e maleducazione». Anche sui social, le denunce sono di ogni tipo. C’è chi chiede che si utilizzi “il pugno di ferro”. "Ci vorrebbe qualche bella retata – si legge - come sta avvenendo in stazione centrale a Milano". E chi invece ha una posizione più moderata. Negli ultimi giorni però la situazione sembra essere migliorata e la presenza di migranti è diminuita. Ogni tanto qualcuno si “affaccia” ma, probabilmente scoraggiato dalla pattuglia, subito sparisce. Si tratta oltretutto di una situazione veramente delicata. Se è vero che alcuni migranti sono irregolari, altri hanno invece permesso di soggiorno e permesso di commercio ambulante (di solito i gruppi posizionati nel parcheggio di destra).