Paderno Dugnano (Milano), 8 settembre 2017 - Tanta paura tra le strade di Paderno Dugnano. Mercoledì, nel tardo pomeriggio, una brutale zuffa tra cani ha destato impressione tra i cittadini. Aggressione che si è conclusa con la morte di un piccolo barboncino. Tutto è iniziato in via Lamarmora, dove una padernese di 74 anni passeggiava tenendo al guinzaglio il suo cane di piccola taglia. Improvvisamente, sul cagnolino si è fiondato un grosso dogo argentino, che l’ha attaccato senza un apparente motivo. Il dogo sarebbe riuscito a uscire dal cortile del minigolf di via Moro, all’interno del quale trascorreva sempre le sue giornate. Il suo padrone, il gestore del centro, aveva l’abitudine di lasciarlo in quell’area dal mattino e riportarlo a casa la sera. Ma mercoledì qualcosa è andato storto.

Mentre un dipendente apriva il cancello, il cane è riuscito a schizzare fuori. L’uomo ha provato a rincorrerlo, ma quando il dogo si è trovato davanti il barboncino è stato impossibile trattenerlo. Gli si è buttato addosso e in poco tempo l’ha dilaniato. Nel tentativo di difendere il suo cane tenendolo in braccio, anche la donna è stata scaraventata a terra ed è rimasta ferita alle mani. In suo aiuto è arrivato un medico residente nella zona, che sentendo le urla, è subito accorso. Si è munito di kit medico e ha contattato il 118. Il dogo è stato allontanato e riportato al minigolf, mentre il barboncino è stato trasportato nell’ambulatorio veterinario di Paderno dove è morto poco dopo, durante l’intervento chirurgico.

Sul posto anche la polizia locale, che sta acccertando eventuali responsabilità del padrone del dogo, un padernese di 44 anni. L’uomo si è prontamente difeso, dicendo che si tratta di un cane pacifico, abituato a stare a contatto anche con i bambini. E che a sua volta aveva subito un’aggressione, alcuni giorni fa, da parte di un cane di piccola taglia. La padrona del barboncino procederà per vie legali.