Milano, 19 ottobre 2017 - A hinn finì i temp di bej abitudin quand tutt el sembrava facil anca se l’era difficil, ma minga difficil come adess. Me par de vess al Marzullo cont i so’ definizion. Eppur l’è vera. Ciappom per esempi el laor di artista (podi minga parlà de quell di metalmeccanich perché l’è no de mia competenza). Laoren incoeu e mangen dopo 60 dì. Sì, perché i Comun, tra impegn de spesa, papele che se passen da on offizzi all’alter, firma de vun, de do, de trii e magari l’un l’è in feri, el duu malàà, el trii el capita de sabet, e al lunedì l’ha desmentegà i ciav del cassett in doa l’ha miss la toa pratica, i Comun disevi te paghen a 60 e anca a 90 dì.

Ma porco sciampin, l’artista l’ha fa’ el lavorà incoeu, minga tra duu o trii mes. Se el gh’avess el gir di spettacol che el ghe permettess de tirà el fiàa! ma ne fa vun per stagion, vun per ricorrenza, e rarament do volt de fila perché el reparto che l’ha organizzàa la festa, i reunion, l’anniversari, el dev dà a tucc el contentin, te podet no parlà de vun per l’alter. E inscì, in questa condizion resten i artist, i agent, i noleggiator dei service, i offizi stampa, e tutt el gir che el sta’ intorna a on spettacol, a ona manifestazion. (avarì notàa che usi mai la parola “evento”, sfruttada ormai come “outlet”, e missa financa (l’è no ‘na finanziaria, el voeur dì “perfino” in de la boiacca, minestra brodosa). Mi parli per i artist che gh’han minga el grand nomm, perché cont i alter el pagador el gh’ha de sbassà la crappa. T’el voeuret? I danè prima del spettacol. E chissà perché, in quej occasion, i danè salten feoura tucc in d’on colp. “Ahi serva Italia di dolore ostello”. El diseva quell’Alighieri che, dopo vess stà de moda per pussè de cinq ann, adess hinn a drè a mettel nell’oblio. Mi correggeria il “di dolore” cont on “di colore”, ma senza cattiveria, domà per fa ‘na battuda. Gh’era on impresari ch’el se faseva ciamà produttore, perché el termine sembrava pussè nobil, che el saveva incassaj i danèe.

Fasevil’Operetta e giravi con ona mia compagnia insema a Grazia Maria Raimondi. 62 person. Orchestra (25) direttor e sostituto (2), ballett(8), attor(4), cantant liric (4), coro (8) macchinist (2)spelafil (elettricisti)(2) fonich(2) sart (2) amministrador (1) tour manager (1), on pulman cont duu autisti, do macchin per trasportà i tecnici che deven rivà prima di artisti per montà el spettacol, un Tir, o duu camion gross. Lu adess el gh’è pu. El se ciamava Gianni Ferrari. Ovhej. El vegniva in camerin prima de la rappresentazion cont ona valigetta piena de contanti e on sorris largh ‘me on porton. «Possiamo fare le paghe anche sera per sera», el diseva. «Ma come hai fatto?», replicavi mi «Ogni… offellaio fa il suo…» «Sì, mestaio!» Completavi. Ogni offellee (pasticciere) fa el so’ mestè! Va ben che te set de Piacenza, ma possibil che ’60 km, o giò de lì, de distanza da Milan te faghen dì bambanaa?».  L’unich. L’è stàa l’unich de la mia vita artistica. No, me sbagli. Ghe n’era on alter: Gianni Anerdi. L’era stàa cont I Gufi quand i impresari eren Remigio Paone e Carletto Colombo. L’Anerdi, Gianni anca lù e quindi segnàa dal destin per savè brancà i danèe, el faseva i cunt ògni settimana, e i danèe gh’eren semper. E quest per i “piscinitt”, se fa per dì. Per i grandissim metten foeura i manifest ses mes prima. Quand l’è el dì del concerto han tirà su tutt quell che podeven tirà. Num invece tirom i madonn perché chi quatter ghei riven mai e quand che riven, van via in on dì per pagà i prestit che amis, parent e conoscent dann per colpa dei famos «60 gg. data fattura». Me sont guardà in gir e hoo vist ona caterva de person che aspettaven de mangià.

E allora hoo pensà che el moviment de la penisola el dovaria vess istèss. Pagà i tass? A 60 dì. Pagà i negozi de alimentar? A 60 dì. I vestìi, a 60 dì. I giornai, i liber, i gioeugh per i fioeu, i regaj, a 60 dì. Anca l’elemosina in gesa a 60 dì. E ai postulant, i vo comprà, i vo nettà, tutti a 60 dì, cont la possibilità de proroga per alter 30 dì. Come se fa? Andemm al ristorant, mangiom, se femmm fa la fattura a ’60 dì. Spettom nunc? Spetten tutti. On moment, ma a 60 dì ghe sarà on altra esigenza e senza el gir come se po’ fa? Semplice cominciom nunch el gir. Cont i 60 dì data fattura. Vorarà dì che lavorerem, che sgandollarem, che studierem, che comprerem, che ciapparem a divertiss dopo i 60 dì. E intratanta? Semplice. Riposom. Aspettom. E dato che i ’60 dì sarann no a la stessa data per tucc, se formarà on gir che condizionarà la vita. L’amor a 60 dì. Che attesa. Alter che Viagra. Sti robb « j e peu pensà domà ona persona matta» e per segutà in di proverbi t’el chi per inter « Poeu pensall domà ona persona matta/ de robagh el lard de bocca a la gatta” (prima dei 60 dì) e ancamò “Chi se troeuva semper in stat debitori/ el paga quand el pissa el caval del Missori” . E dato che sta menada l’è bona de portà debit ghè el proverbi adatt “ Chi gh’ha debit el dorma tranquill/ chi gh’ha credit el toeu camomill».