Varese, 12 marzo 2019 - Otto persone sono state arrestate dai carabinieri in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare per rapina e detenzione illecita di armi, a seguito di un'indagine su una serie di rapine messe a segno in sale slot nelle province di Varese e Milano. Tra gli arrestati ci sono anche i genitori del presunto capo della banda. Si tratta di quattro sospetti rapinatori, tutti ventenni, già fermati dai militari il 16 ottobre, prima dell'ennesimo colpo, di altri due componenti della gang e dei genitori dell'uomo ritenuto l'elemento di spicco, accusati di detenzione di armi clandestine. In manette, ma ai domiciliari, anche i genitori di due degli arrestati, accusati di aver custodito un fucile da caccia, due pistole con matricola abrasa e varie munizioni.

Tra i colpi messi a segno dalla banda, tra settembre e ottobre, secondo le indagini dei militari di Varese, anche quella al titolare di una sala slot di Bisuschio  e di un negozio compro oro e del gestore di un bar a Garbagnate Milanese. I rapinatori privilegiavano sale slot e commercianti che rientravano a casa da soli.  In un'occasione, in particolare, il gruppo avrebbe picchiato e incappucciato il gestore di una sala scommesse per poi chiuderlo nel retro.