La squadra Vivisette volley di Settimo durante la premiazione a Chioggia
La squadra Vivisette volley di Settimo durante la premiazione a Chioggia

Rozzano (Milano), 27 maggio 2019 - Quando il sud Milano diventa fucina di giovani campioni: Ginevra Andò è stata premiata dalla Fipav (Federazione Italiana Pallavolo) come miglior attaccante 2019 nella finale nazionale di pallavolo Under14 tenutasi a Chioggia. Classe 2005 la giovanissima atleta rozzanese, assieme alle compagne della sua squadra, la Visette Volley in questa stagione è stata una delle protagoniste della categoria Under 14 vincendo vari titoli e laureandosi vicecampione d’Italia. Nata e cresciuta a Rozzano, nello stesso caseggiato che ha visto crescere il difensore della Juventus Mattia De Sciglio, Ginevra frequenta il primo anno di superiori presso il liceo Scientifico Calvino (sempre a Rozzano).

La sua passione per la pallavolo è cominciata all’età di 6 anni quando in una palestra ha visto giocare delle ragazze ed è scoppiato l’amore per questo sport. La sua vita oggi si divide tra i banchi di scuola e la palestra di Settimo Milanese dove da tre anni è in forza al Visette Volley, società guidata dallo storico Direttore Tecnico Andrea Pirella, ritenuto uno fra i migliori tecnici giovanili del panorama italiano.

Con la Visette Ginevra oltre al titolo di vicecampione d’Italia ha ottenuto grandi soddisfazioni. Infatti la squadra ha aggiunto alla bacheca un titolo interprovinciale (Milano, Monza Brianza e Lecco), un titolo regionale Lombardia confermandosi come una delle realtà nel settore giovanile più vincenti nel panorama Lombardo (e non solo).

«La finale Nazionale per me è un sogno che diventa realtà. Le finali per perderle...bisogna prima giocarle e noi ci siamo arrivati superando più di 4.500 squadre presenti (dato Fipav) in Italia, disputando una finale Nazionale che rimarrà sempre nel mio cuore e in quello delle mie compagne, un’esperienza indimenticabile. - spiega la giovane promessa del Volley che suggerisce ai giovani che amano lo sporti di guardare sempre avanti ed imparare dagli errori.

«Imparare dagli errori servirà a crescere. Siamo un gruppo splendido e sono sicura che dalla prossima stagione affronteremo ogni partita ed ogni avversario ancor più consapevoli dei nostri mezzi!». Tenace, piedi ben saldi per terra non si pone alcun obiettivo se non quello di «continuare a lavorare sodo per migliorarmi giorno dopo giorno, perché amo lo sport e amo il volley».

Il suo riferimento nella pallavolo è Monica De Gennaro, detta Moki, libero della Nazionale Italiana e campionessa Italiana 2019. «Mi piacerebbe tanto diventare come lei anche se so che la scalata per arrivare in vetta è solo all’inizio. Io comunque vada, ce la metterò tutta, ve lo prometto!» E le premesse ci sono.