Medici e infermieri in prima linea
Medici e infermieri in prima linea

Buccinasco (Milano), 7 aprile 2020 -  Il contagio da coronavirus ha iniziato a colpire i più giovani. Non sono solo gli anziani e chi soffre di patologie a subire la diffusione costante del virus, ma anche giovani e bambini. Come a Buccinasco, dove ieri il sindaco Rino Pruiti nel dare il consueto aggiornamento sulla situazione dei contagi e delle persone in quarantena obbligatoria sul territorio ha diffuso la notizia di una bambina ricoverata con urgenza, "colpita dal maledetto virus", ha scritto il primo cittadino. Nessun dato, neanche l’età della piccola: il Comune ha deciso di preservare la bambina e la famiglia da qualsiasi morbosa curiosità, spesso suscitata dal timore, e tutelarli. Nessuna informazione è stata quindi data ufficialmente sulla bambina: si sa solo, purtroppo, che si trova in gravi condizioni ed è ricoverata in ospedale.

"Sono arrabbiato e demoralizzato - ha commentato il sindaco, esprimendo un pensiero di pronta guarigione per la piccola e di vicinanza alla famiglia -: aumentano i contagi e i ricoveri. Una nostra bambina è stata ricoverata con urgenza, ma allo stesso tempo vedo genitori e bambini che giocano insieme come se nulla fosse nei giardini condominiali o in spazi appartati e scappano quando vedono la polizia locale. I casi aumentano, segno che non stiamo rispettando tutti le regole. Polizia locale e carabinieri stanno sanzionando con severità ma non basta. Stiamo perdendo la battaglia del contenimento e non andrà tutto bene se continuiamo cosi". Il primo cittadino aveva inoltre contestato alcune manovre della Regione, tra cui il mancato fornimento immediato delle mascherine per tutti (in distribuzione in questi giorni). "Stiamo facendo da soli, grazie ai volontari, al personale comunale e alle forze dell’ordine - ancora Pruiti -. Ogni giorno si ricomincia e si moltiplicano gli sforzi. Noi resisteremo un minuto di più di qualsiasi virus".

I casi sono in aumento in città, così come su tutto il territorio del Sud Milano e il numero dei contagiati "giovani" cresce. A Buccinasco, in totale, si contano trenta casi positivi, incluse le otto persone decedute dall’inizio dell’emergenza sanitaria. Sedici sono invece i guariti. Numeri che seguono più o meno lo stesso trend nei Comuni vicini, a esclusione di Cesano Boscone dove i casi sono aumentati in modo esponenziale in pochissimi giorni, arrivando a un totale di 121 persone contagiate, di cui si contano 12 decessi. Secondo le ultime informazioni, anche a Cesano, dove vengono registrati anche i 30 casi dell’Istituto Sacra Famiglia e i 19 di Casa di Cura Ambrosiana, si stanno verificando contagi di persone giovani.