Melbourne (Australia), 13 febbraio 2021 - "Con Tsitsipas ci conosciamo piuttosto bene: ci ho perso due volte, una anche qui in una partita combattutissima. Ora però devo pensare solo al mio corpo''. Matteo Berrettini è già proiettato all'ottavo di finale degli Australian Open, in programma lunedì, contro il talento greco. Il 24enne romano arriva al grande appuntamento dopo aver superato in quasi tre ore il russo Karen Khachanov, numero 20 del mondo e 19esima testa di serie del tabellone. Decisivi i tie break. Berrettini ha dimostrato maggiore freddezza, specialmente nel terzo risalendo da 3-5: 7-6(1) 7-6(5) 7-6(5) il punteggio a favore dell'azzurro, sofferente però sul finire dell'incontro per un dolore agli addominali.

"Non so cosa sia accaduto, ho sentito a un certo punto tirare sotto le costole - ha raccontato a fine incontro - Il fisioterapista dice che si tratta di una contrattura, che non si è stirato nulla, ma quando servivo faceva male. Sono felice di aver chiuso il match in tre set, adesso lavorerò con lo staff medico per poter tornare in campo fra un paio di giorni. Speriamo che non sia nulla di grave". Tsitsipas, quinta testa di serie, si è invece sbarazzato per 6-4 6-1 6-1 dello svedese Mikael Ymer. Berrettini non sarà l'unico italiano agli ottavi di finale del primo slam della stagione. 

false

Nel silenzio del lockdown (l'incubo Covid ha costretto gli organizzatori a chiudere le porte degli impianti di Melbourne), Fabio Fognini, numero 17 del ranking e 16 del seeding, ha liquidato 6-4 6-3 6-4, in poco più di due ore di gioco, l'idolo di casa Alex De Minaur, 21enne di Sydney. Dopo il derby vinto contro Salvatore Caruso, Fognini ha sfoderato una prestazione praticamente perfetta, regalandosi così la grande sfida contro Rafa Nadal. Il fenomeno spagnolo, numero due del mondo e del tabellone, ha sconfitto Cameron Norrie per 7-5 6-2 7-5.