La prima di Aglietti. Lecco nuovo, vizi vecchi. Il Cosenza dilaga: crisi nera

Il Lecco sprofonda in casa contro il Cosenza, subendo la sesta sconfitta consecutiva. Mister Aglietti esordisce amaramente, evidenziando i limiti difensivi della squadra. Il Cosenza domina e vince 4-0, lasciando il Lecco sempre più ultimo in classifica.

Lecco nuovo, vizi vecchi. Il Cosenza dilaga: crisi nera

Esordio amaro al Rigamonti Ceppi per il nuovo allenatore del Lecco Alfredo Aglietti

di Fulvio D’Eri

LECCO

Il Lecco sprofonda in casa contro il Cosenza ed è sempre più ultimo. Esordio amaro per mister Aglietti sulla panchina dei blucelesti che hanno subito la sesta sconfitta consecutiva, mostrando i soliti, evidenti limiti soprattutto nella fase difensiva. Troppi errori per i lecchesi che, a tratti, non hanno demeritato. Pronti, via e il Cosenza al 4’ passa in vantaggio con Tutino che scatta sul filo del fuorigioco e dal limite fredda Saracco. Dopo un’occasione per Mazzocchi, tiro alto da pochi passi, è il Lecco a prendere in mano il gioco. Al 27’ Guglielmotti serve un cioccolatino a Ionita che, da 2 metri, “cicca“ la conclusione, mentre al 41’ Mazzocchi respinge sulla linea un colpo di testa di Ierardi. Al 46’ angolo per il Cosenza, Guglielmotti trattiene Forte e l’arbitro assegna il rigore che Tutino trasforma con sicurezza: 2-0 all’intervallo. Al 9’ della ripresa il Cosenza cala il tris. Azione insistita sulla destra di Canotto, palla al limite per Frabotta che spedisce la palla sotto l’incrocio. Al 15’ miracolo di Micai su colpo di testa di Crociata, ma un minuto dopo il portiere non può nulla su uno sfortunato colpo di testa di Venturi. Alla mezzora né Lepore, né Buso riescono a mettere la palla in rete da pochi passi. Qui finiscono le speranze di rimonta di un Lecco sempre più ultimo.