Una concitata azione di gioco nella partita al Breda che vide la Pro imporsi sul Levico
Una concitata azione di gioco nella partita al Breda che vide la Pro imporsi sul Levico

Sesto San Giovanni (Milano), 7 novembre 2019 -  Resta sempre capolista, ma con tre punti in meno. Quei tre punti che la Pro Sesto, dopo averli ottenuti a spese del Levico Terme nella partita disputata allo stadio Breda domenica 20 ottobre, dovrà riconquistarsi in un’altra sfida con la formazione trentina. E tutto a causa di un’ammonizione «fantasma». Il giudice sportivo della serie D, infatti, ha accolto il reclamo del Levico e ha disposto la ripetizione dell’incontro in una data ancora da decidere. 

Il sodalizio della Valsugana, in pratica, ha evidenziato come l’arbitro Davide Faraon sia incorso in un errore tecnico. Il direttore di gara ha ammonito due volte il giocatore sestese Tommaso Gattoni senza espellerlo.  L’espulsione, se fosse scattata come ovviamente da regolamento, avrebbe permesso alla compagine trentina di giocare i 15 minuti conclusivi in parità numerica: al 19’ della ripresa, infatti, Faraon aveva espulso l’attaccante gialloblu Rizzieri. Lo stesso Gattoni non avrebbe comunque finito la partita: ammonito una terza volta (e questa volta senza alcuna possibilità di dubbio) nel finale, avrebbe, sia pure in ritardo, lasciato i compagni in 10.  

A spazzare via ogni dubbio è stato lo stesso direttore di gara che ha riconosciuto l’errore in buona fede. Il giudice sportivo ha perciò disposto di accogliere il reclamo con ripetizione della gara. «E’ innegabile che l’iniziativa – aveva precisato in un comunicato il club sestese dopo aver ricevuto notizia del reclamo - , pur legittima, posta in essere dal Levico Terme desti perplessità ed amarezza, atteso che né durante lo svolgimento della gara né dopo, nessuno fra i protagonisti in campo (giocatori, dirigenti e terna arbitrale) abbia fatto presente che le cose siano andate come oggi si vogliono rappresentare e, conseguentemente, di ciò si sia lamentato. Ciò detto, la Società Pro Sesto si riserva di depositare le proprie controdeduzioni ai fini della più corretta e completa decisione da parte degli organi preposti, certi che, quale che sia, essa sarà adottata nel rispetto delle norme sostanziali e procedurali del Codice di Giustizia sportiva». «Allora, subito dopo la partita – ribadisce il presidente Gabriele Albertini -, nessuno aveva sollevato obiezioni. A questo punto, comunque, accettiamo la decisione e ci prepariamo a rigiocare la partita per riprenderci quei tre punti che ci siamo già meritati sul campo una prima volta».

Classifica serie D, girone B : Pro Sesto punti 26; Seregno 25; Scanzorosciate 24; Folgore Caratese 23; NibionnOggiono 21; Tritium e Legnano 20; VirtusCiseranoBergamo 18; Brusaporto, Ponte San Pietro e Arconatese 17; Sondrio 16; Caravaggio 14; Villa Valle 11; Castellanzese 10; Levico Terme 9; Inveruno e Milano City 8; Virtus Bolzano 7; Dro Alto Garda 6. Pro Sesto e Levico Terme una partita in meno.