Ora i cittadini potranno discutere con gli amministratori
Ora i cittadini potranno discutere con gli amministratori

Cormano (Milano), 12 settembre 2019 - I cormanesi diventano protagonisti del consiglio comunale, grazie al “Question time istituzionale dei cittadini”. Se fino allo scorso luglio partecipare alle sedute del parlamentino locale significava restare in silenzio e ascoltare sindaco, assessori e consiglieri di maggioranza e minoranza nei dibattimenti, dalla prossima assemblea - prevista per l’ultima decade del mese - tre residenti potranno prendere parola e rivolgere in tre minuti la rispettiva interrogazione che, almeno sette giorni prima, avranno spedito via mail o consegnato in municipio. Il sindaco Luigi Magistro e i cinque assessori della giunta di centrodestra dovranno rispondere: avranno sei minuti per farlo. Ma non solo, l’ultima parola spetterà ancora al cittadino interrogante, che avrà un minuto per replicare, dichiarandosi soddisfatto o meno della risposta.

Con questa modifica al Regolamento del consiglio comunale di Cormano, il “Question time” diventa un importante strumento di democrazia vivace e diretta, consentendo ai soli residenti in città - e maggiorenni - di presentare quesiti e richieste sul loro quartiere, sulla viabilità, sulla qualità della vita o sulle "problematiche inerenti il territorio comunale", come è indicato all’Articolo 77 del Regolamento. La novità istituzionale è spiegata dal npresidente del consiglio comunale cormanese, Michele Viganò: "Con il Question time dei cittadini avviciniamo i residenti alla vita politica e amministrativa - dice Viganò -. In tutte le sedute la prima mezz’ora sarà dedicata alle tre interrogazioni che, di volta in volta, i cittadini presenteranno. Gli stessi cittadini dovranno essere in aula e leggere la loro domanda, ascoltare la risposta e poi replicare. Se non si presentassero, l’interrogazione sarà posticipata alla seduta successiva e, nel caso di un’altra mancata presenza, sarà archiviata". Il modulo di presentazione è già scaricabile da www.comune.cormano.mi.it. Spetterà all’Ufficio di Presidenza del consiglio comunale attivare l’iter previsto, tendendo conto che le interrogazioni saranno trattate seguendo l’ordine cronologico di presentazione e contattando direttamente i tre cittadini. "Interrogazioni e risposte saranno inserite nel database del Question time, che sarà visibile sul sito ufficiale del Comune - conclude il presidente Michele Viganò -. Invito tutti i cormanesi a partecipare con entusiasmo a questa nuova attività del consiglio comunale".