Boschetto e frutteto a scuola. E nel torrente Tarò torna la vita

MEDA Nuovi alberi e aria meno inquinata. "Ci siamo appena lasciati alle spalle un anno in cui il bilancio ambientale è...

Boschetto e frutteto a scuola. E nel torrente Tarò torna la vita
Boschetto e frutteto a scuola. E nel torrente Tarò torna la vita

Nuovi alberi e aria meno inquinata. "Ci siamo appena lasciati alle spalle un anno in cui il bilancio ambientale è positivo – commenta il geologo medese Gianni Del Pero (nella foto), presidente del Wwf Lombardia –. Il Wwf Insubria con gli alunni del plesso scolastico Diaz e con la Cooperativa La Brughiera ha regalato alla città di Meda 160 nuovi alberi e arbusti che cresceranno nei giardini delle scuole collegandosi alle altre aree di via Angeli Custodi nelle quali sono state messe a dimora nuove piante superando quota duemila". Mentre il Comune, con i fondi del bilancio partecipato, finanzierà gli altri interventi previsti dal progetto di riforestazione urbana del Wwf: questo inverno saranno piantati un frutteto, sempre nei giardini della scuola Diaz, e filari di carpini in Via Angeli Custodi, Pescarenico, De Gasperi". Buone notizie anche sul fronte della qualità dell’aria di una città da sempre maglia nera in Brianza per l’inquinamento. "La centralina Arpa ha chiuso il 2023 con 43 giorni di superamento dei limiti di legge per le polveri sottili – conclude Del Pero –. Non abbiamo ancora raggiunto l’obiettivo di avere aria respirabile tutti i giorni dell’anno, ma siamo messi molto meglio del 2015 quando la centralina segnalò addirittura 100 superamenti". E anche il Tarò "è diventato un’oasi naturalistica particolarmente apprezzato da germani, folaghe, gallinelle d’acqua e qualche airone, per la rinnovata presenza di tanti pesciolini (cavedani, vaironi, ghiozzi e barbi). E nei giardini limitrofi oltre allo scoiattolo rosso in aumento picchio rosso, picchio verde, cinciallegre, merli, gazze e le meno apprezzate cornacchie".

Son.Ron.