John Geddert (Ansa)
John Geddert (Ansa)

New York, 25 febbraio 2021 - Avrebbe dovuto presentarsi oggi pomeriggio in giudizio per rispondere di accuse pesantissime: dagli abusi sessuali al traffico di esseri umani. E invece John Geddert, l'allenatore 63enne della squadra di ginnastica femminile olimpica degli Stati Uniti del 2012, si è ucciso.  Ne ha dato notizia il procuratore generale del Michigan Dana Nessel: "Questa è una tragica fine di una tragica storia per tutte le persone coinvolte", ha detto Nessel in una nota.

Geddert, accusato di 24 casi di abusi su giovani ginnaste, era l'ex proprietario del Twistars Gymnastics Club del Michigan, uno dei luoghi in cui Larry Nassar, ex medico di ginnastica, aveva ammesso di aver abusato sessualmente di giovani atlete. Nassar è stato condannato a 125 anni di carcere per una lunga serie di violenze su oltre un centinaio di atlete, alcune delle quali bambine.